Scuola: protesta dei nuovi presidi vincitori di concorso. Da anni aspettano l’incarico…

Scuola: protesta dei nuovi presidi vincitori di concorso. Da anni aspettano l’incarico…

NAPOLI – Mancano poche settimane all’inizio del nuovo anno scolastico in città e già ci sono proteste. A scendere in strada, con il lutto al braccio, i dirigenti scolastici vincitori del concorso bandito nel 2011 e che attendono da tempo le nomine per l’assunzione come presidi  nei 120 istituti della Campania.

Il corteo, organizzato dalla Flc – Cgil e che ha percorso in mattinata via Ponte della Maddalena, ha creato numerosi disagi al traffico, soprattutto davanti all’ingresso della Direzione scolastica regionale. Si calcola che siano 200 e forse più gli idonei che hanno superato il concorso nel 2011 per la cattedra di preside d’Istituto e che ora chiedono un’occupazione. “E’ morto lo stato di diritto” recita un cartellone innalzato da una dimostrante davanti all’ingresso della struttura, mentre un lungo striscione in testa al corteo firmato dal coordinamento dei docenti del  concorso svoltosi tre anni fa dice: “Premiate il merito, premiate l’onestà.”

La situazione attuale negli istituti campani, non è certamente rosea – ci dice una manifestante, che precisa: “Il problema è che da tempo, un preside, per la carenza di personale in molti scuole, deve coprire il buco per la mancata assunzione del personale. C’è poi il rischio che l’anno scolastico inizi con pochi insegnanti. Convocazioni, incarichi, supplenze non sono state ancora decise. E’ vero c’è in corso un’inchiesta della Magistratura, che dovrà chiarire sull’assunzione di 23 persone, ma tutto questo –  spiega un’insegnante – non giustifica l’immobilismo esistente a pochi giorni dall’apertura delle scuole.”

L. R. – redazione Napoli

27 agosto 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook