Ritrovato ad Ischia, il corpo del giovane annegato, dopo ribaltamento barca

Ritrovato ad Ischia, il corpo del giovane annegato, dopo ribaltamento barca

ISCHIA – 6955092E’ stato recuperato poco dopo l’alba, con il mare calmo, il corpo senza vita di Filippo Vinaccio, il giovane di 25 anni, originario di Marano, annegato e inghiottito dalla furia del mare nel giorno di Ferragosto nei pressi della spiaggia di San Francesco, (Forio) in seguito al ribaltamento della pilotina di circa 3 metri sulla quale si trovava insieme ad altri tre amici che per puro caso sono riusciti a salvarsi.  Il corpo del giovane è stato avvistato dalla Guardia Costiera  intorno alle 5,30 ed è stato portato a riva circa un’ora dopo dal sottoufficiale del Circomare Ischia, Giovan Giuseppe Ferrandino, dopo che ieri, causa mare agitato, si era deciso di sospendere le ricerche. E’ spettato poi al medico legale effettuare un primo esame sul corpo, trasportato poco dopo all’istituto di medicina legale per un esame autoptico più approfondito. Il decesso del giovane, secondo i primi accettamenti, potrebbe essere stato causato non tanto dalla caduta in mare (il giovane non sapeva nuotare), ma soprattutto dall’impatto violento della testa avvenuto contro gli scogli. I particolari sulla morte del giovane comunque si conosceranno meglio solo dopo aver esaminato la quantità di gas presenti nei suoi polmoni, formatasi con l’avvenuta decomposizione.

Sulla triste vicenda indaga frattanto la Magistratura, che nelle prossime ore ascolterà i tre giovani superstiti, amici di Filippo. Si cercherà di capire se il gruppo prima della gita in barca avesse fatto uso di sostanze stupefacenti, chi fossero i due giovani scesi dalla barca al porticciolo di Casamicciola, prima che i tre giovani decidessero poi di dirigersi a Forio, dove è avvenuta la tragedia e dove sia finito il gommone, che non è stato ancora ritrovato.

L. R. – redazione Napoli
17 agosto 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook