Botti di Capodanno: si intensificano i controlli…

di Luigi Rubino

I carabinieri, questa volta, sono intervenuti a Torre del Greco, Gragnano e Poggiomarino. Sequestrati oltre 20 quintali  di  “fuoco proibito.”

Si intensificano i controlli delle Forze dell’Ordine contro la vendita illegale di fuochi d’artificio. Dopo il sequestro effettuato allla vigilia di Natale di un grande quantitativo di botti in località Melito ( Napoli), i Carabinieri sono entrati questa volta in azione in altri tre comuni dell’hinteland napoletano. I militari sono intervenuti a Torre del Greco, Gragnano e Poggiomarino, dove sono stati sequestrati oltre 20 quintali e mezzo di materiale pirotecnico proibito.

Quattro le persone, due dellle quali sono fratelli, sono state ammanettate dai Carabinieri, un’altra denunciata. I due fermati hanno poi ottenuto gli arresti domiciliari. A Torre del Greco, comune vesuviano a sud -est di Napoli, in piazza Palomba, i Carabinieri hanno sorpreso sul fatto due individui Antonio Romano di 65 anni e  Giuseppe Antonio Di Sario di 23,  che si apprestavano ad accendere fuochi pirotecnici molto pericolosi, per i quali non è consentita la vendita. In un successivo controllo, il nucleo operativo dei Carabinieri ha sequestrato nel loro appartamento  anche 14 chili di ordigni esplosivi e fuochi di artificio proibiti di IV e V categoria.  Anche per loro sono scattati gli arresti domiciliari.Tutto il materiale esplosivo è stato distrutto dagli artificieri.

26 dicembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook