Emergenza Napoli: continuano i disagi a Posillipo per la chiusura di via Tito Lucrezio Caro

A circa due mesi dal dissesto stradale, tutto è fermo. A quanto l’apertura della strada?  Voci e proteste dei cittadini…

A Napoli, l’emergenza e i disagi sembrano non finire mai. Ad un mese e mezzo dal forte temporale abbattutosi ai primi di novembre sul capoluogo campano sono ancora evidenti i danni causati al manto stradale nel quartiere collinare e turistico di Posillipo.
In via Tito Lucrezio Caro (altezza campo sportivo “Denza”) alcune voragini profonde circa 2-3 metri e larghe circa 4-5 metri apertesi all’esterno di una carreggiata, hanno costretto i tecnici della I Municipalità del Comune di Napoli, in via precauzionale, a recintare lo spazio e chiudere la strada alla circolazione delle auto.

Si passa, con difficoltà, solo a piedi. Il problema è rilevante ci dice Mario, un automobilista proveniente da discesa Coroglio che, per recarsi sul lato opposto interdetto allla circolazione, è costretto a deviare, servendosi dellla bretella circolare superiore opposta di viale Virgiliano.

Questo punto è fondamentale – aggiunge Rosaria, una delle tante mamme che, spesso con la propria auto, accompagna il figlio al campo “Denza,”  a pochi passi dal dissesto stradale, a fare scuola calcio. Speriamo che la strada possa essere aperta al più presto – aggiunge la donna – anche perchè, al di là dell’interruzione, esiste un club privato con campi di calcetto, dove molti bambini svolgono attività sportiva e una discoteca, sede spesso di feste e raduni.”
Su questo problema più volte la nostra redazione, per saperne di più, ha cercato di contattare l’Assessorato allla Mobilità del Comune di Napoli, senza avere una sostanziale risposta al problema. Ci siamo quindi recati alla sede della  I Municipalità, dove abbiamo avuto precise spiegazioni: “Il problema principale – ci spiega Alberto Boccalatte, assessore alla manutenzione della I Municipalità Chiaia- S. Ferdinando – Posillipo – riguardano gli interventi. “Essendo Via Tito Lucrezio Caro una strada principale, la soluzione deve essera affrontata dagli organismi centrali del Comune e quindi dall’Amministrazione competente  che mai finora si è occupata del problema. La causa del dissesto – continua Boccalatte non è  dovuta alle fogne che funzionano regolarmente ma, come abbiamo rilevato da alcuni controlli effettuati in loco dai nostri tecnici, alla ramificazione delle radici degli alberi lungo i marciapiedi dove, con la pioggia incessante degli ultimi temporali, si è formato un canaletto, che con il passar del tempo ha ceduto, creando due voragini piccole in apparenza, ma molto pericolose”. Secondo alcune stime  approssimative, la spesa complessiva per il ripristino della strada è sostanziale. Quasi 50 milioni di euro; un  cifra che la I Municipalità, da sola, non può affrontare. “La situazione non può durare a lungo – riprende Boccalatte – anche perchè la strada forma un circuito di colllegamento con viale Virgilio, che funge anche da valvola di sfogo per il traffico veicolare, specialmente in alcuni giorni della settimana, cioè il giovedi, quando viale Virgilio viene occupato dal mercatino rionale e la domenica, quando centinaia di famiglie fanno la classica passeggiata, portando i lori figli a giocare nello splendido “Parco Virgiliano.”
“Mi auguro quanto prima che l’Amministrazione comunale si faccia viva non solo per quanto riguarda il ripristrino della viabilità in via Tito Lucrezio Caro – aggiunge Marcello Matrusciano, capogruppo PD alla I Municipalità, ma anche per la manutenzione di strade mal ridotte segnalate sia dai cittadini che dai consiglieri di zona. 

Ultimamente, come piccolo organismo municipale, abbiamo  attivato da poco anche  la richiesta di interventi di lavori che riguarda il tratto di strada, che dalla sede del Commissariato di Polizia di Posillipo conduce all’incrocio con il viale Virgilio, dove la presenza di grosse buche mette a repentaglio la sicurezza e la vita dei cittadini.”

 

servizio esclusivo di Luigi Rubino

22 dicembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook