Operazione “Megaride”, Sequestrati ancora quote di 5 milioni di euro

I guadagni illleciti illlegiti della Camorra attraverso le attività di  ristorazione nella zona del lungomare di Napoli andavavano avanti da oltre 20 anni. Lo ha spiegato il procuratore  aggiunto  e coordinatore dellla Dda, Alessandro Pennasilico, in seguito a due sequestri emessi dal gip presso il tribunale di Napoli su richiesta dei pm della Direzione distrettuale antimafia ed eseguiti dagli agenti della Dia del capoluogo campano.

Il valore dellle quote sequestrate è di 5 milioni di euro e comprendono  i ristoranti di Napoli, Pozzuoli ed anche altri esercizi fuori città, precisamente a Genova e Torino. L’operazione, rientra nellle indagini sul blitz “Megaride” eseguito lo scorso 30 giugno sul lungomare partenopeo e che vide coinvolti le famiglie Iorio, Potenza e l’ex capo della squadra mobile di Napoli, Vittorio Pisani.

di P.P.

25 novembre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook