A Napoli, spuntano come funghi. Sono i falsi giornalisti da stadio…

Spuntano ora anche i falsi giornalisti da stadio. L’inchiesta avviata dalla Procura di Napoli, guidata dal procuratore aggiunto Giovanni Melillo, ha scoperto numerose entrate di favore allo stadio S.Paolo di Napoli con tesserini falsi e accrediti fasulli. Quarantacinque le persone coinvolte, identificate e denunziate dalla Guardia di Finanza. Tutto avveniva da tempo, forse da più di un anno, anche, grazie alla complicità degli addetti ai controlli e in particolare degli steward che, a quanto sembra, tramite “premi” sostanziosi riuscivano a trovare l’escamotage per far entrare gratis e a loro scelta parenti o amici, servendosi anche di ingressi alternativi fuori dal controllo e lontano dal grande afflusso del pubblico. 

Altre persone poi riuscivano ad entrare senza biglietto, avvalendosi di veri e propri pass falsi riservati alla stampa, attraverso piani studiati nei  minimi particolari.Una volta superati i controlli  le persone, venivano poi smistati  all’interno e in altri settori dello stadio, senza affollare la tribuna stampa. Non  c’è quindi  da meravigliarsi  se, in un recente passato in tribuna stampa dietro i banchi riservati ai giornalisti, abbiamo visto accomodarsi intere famiglie, a discapito di qualche collega, regolarmente iscritto all’Ordine dei Giornalisti, il quale per mancanza di posti si è poi visto rifiutare l’accredito o costretto a lavorare fuori dal posto assegnato che, come regolamento prescive, spetta di diritto, in quanto operatore dell’informazione.

G.R.

 

27 ottobre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook