Camorristi arrestati a Torre del Greco. Estorcevano denaro alle ditte di pompe funebri

Il vasto giro d’affari della malavita in Campania non si ferma mai ed ogni occasione è buona per fare denaro e ripinguare il bottino. L’ultimo blitz dei Carabinieri è stato eseguito nella notte a Torre del Greco,  comune che sorge sulle pendici meridionali del Vesuvio, in provincia di Napoli. I militari hanno arrestato ben 18 persone,  affiliati a tre noti clan della cittadina torrese: Gioia Papale, Falanga e i gli scissionisti. I fermati, in base alle indagini condotte dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli dal 2010, estorcevano denaro dall’anno 2000 ai titolari di alcune ditte di onoranze funebri.

I carabinieri hanno poi scoperto che anche in questa operazione, come ormai di consuetudine avviene in altri business” della malavita, i clan si  servivano  dei  soliti prestanomi, ai quali erano intestate due ditte di pompe funebri. Per tutti gli arrestati l’accusa è di associazione per delinquere di tipo mafioso ed estorsione aggravata.

 

 

4 ottobre 2011

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook