Scoperta dalla Finanza vasta piantagione di “cannabis” in località Marano di Napoli. Arrestato il coltivatore.

La Campania, a quanto sembra, sta diventando sempre di più terreno fertile per la coltivazione della “droga naturale” o meglio della famosa “cannabis indiana.” L’ultima scoperta è avvenuta nella frazione di S. Marco, nel comune di Marano, piccola località a nord di Napoli. Qui, la Guardia di Finanza, anche grazie ai particolari controlli eseguiti con l’ausilio degli elicotteri, è riuscita ad individuare una vasta piantagione di 3 mila metri quadrati di cannabis composta da circa 150 piante, tra i 2 e  i 5 metri di altezza, perfettamente nascosta da una fitta vegetazione. Il coltivatore di 55 anni è stato arrestato, mentre era intendo a lavorare in campagna.

L’uomo, da tempo, era riuscito a creare, in un vecchio casolare, una specie di “mini laboratorio,” dove le piante, una volta raccolte, venivano essiccate e poi mandate ai mercati. Nella struttura di campagna, le fiamme gialle hanno anche sequestrato 10 mila semi di canapa indiana che avrebbero fruttato 700 mila euro di facili ed illeciti guadagni.

di Gigi Rubino

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook