“Alcolismo, droga ed altro”… Si terrà a Napoli il 2° Convegno Nazionale di ” Medicina e Società.”

“Alcolismo, droga ed altro”… Si terrà a Napoli il 2° Convegno Nazionale di ” Medicina e Società.”

Brochure convegnoComportamenti compulsivi e dipendenze della società di oggi: alcolismo, droga, gambling, bulimia…quando l’attimo diventa patologia” è il tema del secondo Convegno Nazionale di “Medicina e Società” che si svolgerà a Napoli, nell’Antisala dei Baroni del Maschio Angioino, il prossimo 14 settembre.
L’iniziativa, patrocinata dall’Ordine dei Medici del capoluogo campano, Regione e Comune, è stata organizzata dalla dottoressa Mariarosaria Intini, MMG pediatra presso la Asl Na 1, con la collaborazione del prof. Adolfo Ferraro, psichiatra, nel ruolo di direttore scientifico.  All’importante appuntamento parteciperanno noti esponenti della medicina come Giovanni Muscettola, che spiegherà in sala i comportamenti compulsivi tra psicopatologie e luoghi comuni, il prof. Francesco Bruno che si soffermerà sulla problematica e l’uso dell’alcol anche nei soggetti giovani e il dott. Alessandro Raggi, psicoteraupeta che illustrerà le metodiche usate nella prevenzione e cura della bulimia e anoressia. Al Convegno non mancheranno anche noti esponenti politici, tra questi ci sarà l’on. Mara Carfagna, già Ministro delle Pari Opportunità, il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro e il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris.

” La decisione di organizzare questo Convegno – ha detto la dottoressa Mariarosaria Intini – nasce dal rapporto che ho instaurato da anni con i miei pazienti, con i quali non ricopro soltanto il compito di medico di base, ma anche di supporto di fronte a problematiche di vario genere. Ogni giorno sono in contatto con tante realtà con forte disagio e grande tristezza. Molte volte – ha rilevato  Intini  – la solitudine, la diffidenza e l’incomunicabilità sono alla base di queste problematiche, in una società che registra il crollo dei valori e dei principi della vita. “

Luigi Rubino

10/09/2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook