Riesplode l’emergenza sanitaria in Campania. Stop alle prestazioni specialistiche gratuite

Salute sempre più a rischio per i napoletani che tra breve non potranno più usufruire dell’assistenza sanitaria per esami radiologici, ecografie, risonanza magnetiche e qualsiasi altra prestazione specialistica. Non è la prima volta che questo accade, anche perchè in Campania le emergenze e i sacrifici sono all’ordine del giorno. Preoccupante appare il livello di spesa raggiunto per il 2011 che costringerà un grande numero di cittadini, per l’ennesima volta, a rinunciare dal 6 settembre alle prestazioni gratuite. Si calcola infatti che solo per la radiologia la somma disponibile è di 23 milioni e 664 mila euro e manca poco all’esaurimento ( meno del 20%). 

L’emergenza non toccherà soltanto i cittadini napoletani, ma anche altre province campane. La mancanza dei fondi interesserà gradualmente le città della regione. L’ Asl Napoli 3 esaurirà i fondi il 3 Ottobre. Poi sarà la volta di Caserta ed dell’Asl Napoli 2. Meno critica la situazione ad Avellino e Benevento che potranno ancora andare incontro agli assistiti per i prossimi tre mesi. A Salerno, invece, i cittadini potranno  ancora usufruire de i servizi gratuiti. Il ticket tornerà, infatti, il 14 Novembre, quando saranno esauriti tutti i fondi a disposizione.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook