Giovane napoletano muore in un incidente in Messico. Era in viaggio di nozze…

Il giovane viaggiava in un taxi a grande velocità ed è deceduto sul colpo. Ferita la moglie. Altri due giovani, che erano insieme a loro e il conducente dell’auto sono invece gravemente feriti.

full-quintanaroo_l.gifmessicoSi era sposati circa due settimane fa, precisamente il 26 luglio nella chiesa di Capodimonte, ( Napoli) poi avevano deciso di andare in viaggio di nozze in  Messico, ma un tragico, increscioso destino ha  cancellato per sempre la felicità e i loro sogni. Vincenzo Maiello 30 anni e Alessandra Borrelli 28 anni sono i nomi degli sposi napoletani coinvolti in un incidente stradale lunedì intorno alle 21,30 sulla Federal Highway di Playa del Carmen, nello stato messicano. I due freschi sposi stavano andando a vedere in taxi, insieme ad un’altra coppia di sposi, uno spettacolo con i delfini, quando sulla strada che conduce a Puerto Aventuras, nello stato di Quintana Roo, l’auto, secondo quanto raccontato dai testimoni, si è scontrata a grande velocità contro un monovolume. Il giovane napoletano Maiello, seduto accanto all’autista, ha perso purtroppo la vita. La moglie Alessandra e gli altri giovani, rimasti gravemente feriti, sono stati invece trasportati immediatamente all’ospedale in località  Riviera Maya. Con l’auto completamente distrutta, difficile è stato l’opera di soccorso dei  vigili del fuoco che sono riusciti a recuperare il corpo senza vita di Maiello dopo molto tempo. Alessandra, secondo il referto dei medici, ha subito una frattura del bacino e del femore e  varie ferite alle gambe. Sono invece solamente feriti:  l’altra coppia di sposi molisani che viaggiava in auto e  il conducente del taxi.  Solo in mattinata, con mille difficoltà i genitori dei due giovani sono riusciti a raggiungere lo stato messicano.  Era una coppia esemplare, perfetta a cui piaceva fare tutto con puntiglio, nel lavoro e nei progetti –  ha raccontato la cugina – ma tutto questo, a volte non basta…

Gigi Rubino

8/08/2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook