Cosentino, ex deputato Pdl, lascia il carcere di Secondigliano. Per lui ci sono i “domiciliari.”

Cosentino, ex deputato Pdl, lascia il carcere di Secondigliano. Per lui ci sono i “domiciliari.”

Nicola-Cosentino2Nicola Cosentino, l’ex deputato del Pdl arrestato lo scorso marzo per concorso esterno in associazione mafiosa e per riciclaggio nell’inchiesta sul voto di scambio tra camorra e politica, è stato trasferito agli arresti domiciliari a Sesto Campano, piccolo comune in provincia di Isernia.( Molise). Il provvedimento scaturisce dalla sentenza emessa dalla Corte di Cassazione lo scorso 27 giugno che aveva annullato l’ordinanza di arresto del Tribunale del Riesame di Napoli A disporre la scarcerazione è stato il collegio del Tribunale di S Maria Capua Vetere, presieduto dal Giampaolo Guglielmo. Secondo i giudici che hanno emesso la sentenza, le esigenze cautelari di Cosentino non sono più valide, in quanto i gruppi camorristici non hanno nessun interesse a servirsi dei politici. L’ex politico del Pdl sconterà i domiciliari in una casa presa da lui stesso in affitto nel piccolo paese molisano.

G.R. Redazione Napoli

26 luglio 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook