Napoli: sospetti e indagini sulla Coppa America. Coinvolti cinque personaggi illustri della città

Napoli: sospetti e indagini sulla Coppa America. Coinvolti cinque personaggi illustri della città

Napoli-e-la-coppa-americaOmbre, dubbi, sospetti: sulla Coppa America di Napoli edizioni 2012 e 2013 interviene la Procura.  Cinque le  persone indagate tra le quali figurano personaggi di primo piano della città come Mario Hubler, ex presidente dell’Acn, società organizzatrice dell’evento, Maurizio Maddaloni, presidente della Camera di Commercio di Napoli, Paolo Graziano, presidente dell’ Unione Industriali di Napoli, Attilio Auricchio e Claudio de Magistris, fratello del sindaco di Napoli, Luigi De Magistris. Sotto accusa il Consorzio che ha gestito i grandi eventi sul lungomare. Quattro gli appalti nel mirino dell’inchiesta condotta dai pm Graziella Arlomede, Marco Bottino e Francesco Greco.
Le indagini riguardano soprattutto le gare di appalto per il servizio di progettazione, organizzazione e realizzazioni della società Comunicazione e Promozione s.r.l con sede a Roma e la sede napoletana di Costruzioni Generali Esserre s.r.l, incaricata di occuparsi dell’allestimento del Naples AC Village e dei servizi gratuiti offerti al pubblico con il Campus Salute durante l’evento e di tutte le attività connesse, incluso spazi espositivi, diritti tv. Per tutti l’ipotesi di reato è di turbativa d’asta.
Appresa la notizia del fratello indagato, il sindaco di Napoli, Luigi De Magistris è appparso amareggiato: ” Sono convinto che mio fratello e i miei collaboratori hanno agito con correttezza. Ho fiducia nelle indagini della Magistratura. Non abbiamo scheletri, siamo umani. Siamo una casa di vetro e con i  nostri errori e difetti andremo avanti. In questa città – ha proseguito il sindaco – c’è chi non tollera che abbiamo messo fuori la porta affaristi, lobbisti, camorristi e si cerca il nostro tallone d’Achille. Lo troveranno prima o poi. La nostra follia è comunque quella di non avere interessi personali.”

G. R. – Napoli
6 giugno 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook