Il silenzioso colpo di Stato greco

Settimana dopo settimana, le negoziazioni proseguono con il governo Greco. Gli alti dirigenti europei hanno inoltre spiegato all’autorevole “Financial Times” che nessun accordo sarà possibile se il primo ministro Alexis Tsipras, non si sbarazzerà dell’ala conservatrice del suo governo.
Ad Atene “tutto cambia per rimanere uguale”. Quattro mesi dopo la vittoria elettorale di Syriza, i partiti che hanno governato il paese dopo il crollo della dittatura, il Movimento socialista Pasok e la Nuova Democrazia, sono totalmente privi di credibilità. Il primo governo di destra radicale nella storia del paese, nell’era dell’occupazione germanica, gioca certamene un ruolo popolare.

Se nessuno non nomina più la Troika, poiché responsabile del disastro economico attuale, le tre istituzioni – Commissione europea, Banca centrale europea (BCE) e il Fondo monetario internazionale proseguono la loro politica intimidatoria fatta di minacce e ultimatum. Un’altra Troika impone al governo del nuovo primo ministro Alexis Tsipras l’austerità già applicata nei confronti dei suoi predecessori.

Con un tasso di disoccupazione del 27% (più del 50% dei giovani under 25), la Grecia vive una crisi sociale e umanitaria senza precedenti. Nonostante il risultato delle elezioni dello scorso gennaio, l’Europa continua ad identificare la Grecia come peggior paese dell’Unione. Il motivo? Scoraggiare gli elettori spagnoli e non solo, nell’alimentare la speranza di credere all’opposizione del loro governo contro il dogma tedesco.
Questa situazione ricorda inevitabilmente il Cile degli anni settanta, quando l’allora presidente americano Richard Nixon s’impegnò nel rovesciare Salvador Allende. “Fate urlare l’economia!”, ordinò l’uomo che sarebbe stato poi costretto alle dimissioni dallo scandalo Watergate, finché Pinochet non impiegò i carri armati…

Filed in: Uncategorized
Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook