Raffaella Roversi
Raffaella Roversi

Biografia

Ho vissuto da piccola in Africa, a Lusaka. Quegli spazi dilatati e quei colori, forti, accesi, ancestrali, sono rimasti dentro me. Amo le grandi stanze dagli alti soffitti, l’immensità dello spazio intorno a me. Mi sono laureata con lode in legge a Roma, mia città natale; dopo un corso di specializzazione, sono partita con due borse di studio per Lussemburgo e Bruxelles. Non sono più tornata, passando 15 anni tra Bruxelles, dove ho lavorato nel settore giuridico comunitario e Monaco di Baviera, dove ho insegnato la lingua dei padri in azienda e all'università (LMU). Mi piace la lingua di Voltaire e quella di Goethe. Ma che piacere ritrovare la mia, con i colori e profumi dei suoi dialetti! Al teatro mi sono avvicinata dopo un grande patatrac affettivo. Avevo creduto che la vita fosse una cosa molto seria, per persone serie, tutte d’un pezzo. Poi tutto è crollato e del mio bel mosaico non è rimasta che qualche tessera scolorita che sembrava per giunta di un altro mosaico, di un’altra vita, non di quella che avevo creduto vivere. E così, per non farmi travolgere dalla mia storia, ho cominciato a guardare le storie degli altri su un palco. Arrivando alla conclusione vagamente burlesque, che la vita è un gran bel teatro! E questo vorrei condividere con voi: l'emozione, la finzione, la verità del teatro, o, se volete, della vita!

Articoli

Antonello Da Messina, pittore rinascimentale europeo

Milano dedica ad Antonello Da Messina (1430-1479), indiscusso protagonista dell’arte del quattrocento, una importante mostra, dal 21 febbraio al 2 giugno 2019 a Palazzo Reale. L’esposizione, resa possibile grazie a prestiti provenienti da musei nazionali ed internazionali, è basata soprattutto sulla collaborazione con la Regione Sicilia, realtà apparentemente lontana da quella del capoluogo lombardo, ma ad essa complementare. Goethe lo…
Commenti

I Giganti della montagna, un atto di resistenza poetica e teatrale

Gabriele Lavia porta I Giganti della montagna al Piccolo Teatro di Milano, dal 27 febbraio al 10 marzo 2019. Lo fa in maniera magicamente gigantesca, felliniana, con uno spettacolo di impatto, una scenografia magnifica, più di venti attori, trucchi evocativi e costumi ricercati. Una grande produzione di Fondazione Teatro della Toscana, in coproduzione con Teatro Stabile di Torino e Teatro Biondo di…
Commenti

Fuga nelle tenebre, la fragilità della psiche

Sino al 10 marzo 2019, al Teatr OutOff di Milano, va in scena Fuga nelle tenebre, di Arthur Schnitzler, un’analisi psicologica sull’insorgere di un delirio ossessivo che diventa una bomba ad orologeria nella psiche malata del protagonista. Davanti a Schnitzler, alla sua capacità di studiare i meccanismi della psiche, e quindi della fragilità umana, lo stesso Freud avvertì una sorta…
Commenti

Le Allegre Comari di Windsor, tutto nel mondo è burla!

Le Allegre Comari di Windsor, in scena al Teatro Carcano di Milano sino a domenica 3 marzo 2019, vi faranno divertire. Perchè, pie e bigotte per necessità, più che per vocazione, nella riscrittura di Edoardo Erba e nella regia di Serena Sinigaglia lasceranno cadere tutti i veli inibitori e daranno sfogo a desideri più reconditi in una giostra contagiosa di…
Commenti

Io lavoro per la morte: l’incontro di due rette parallele

Io lavoro per la morte è sino al 24 febbraio 2019 al Teatro Elfo Puccini di Milano. Nicola Russo, in scena insieme a Sandra Toffolatti, firma testo e regia di questo spettacolo originale, dal titolo enigmatico, dove la narrazione procede su due piani distinti, come su due rette parallele, solo apparentemente destinate a non incontrarsi. L’intima scena della sala Bausch…
Commenti
Pagina 5 di 70« Prima...34567...102030...Ultima »