Giovanni Salmeri
Giovanni Salmeri
Docente di Filosofia morale – Università di Roma Tor Vergata

Biografia

Post Autore

Elogio del lato B

Tra le tante cose che l’evoluzione degli ultimi decenni ha cacciato nell’oblio, c’è anche lui: il lato B! Difficile trovare ormai qualche giovane che lo conosca veramente. Eppure, è una delle cose più interessanti e ricche di significato che ci fosse. In teoria i lati B erano tutti simili (bastava girare, e si trovava il lato B!), però in realtà…
Commenti

Perché l’Università italiana è diventata una retroguardia

Poco tempo fa un articolo che commentava le nuove (ancora una volta!) procedure per accedere all’insegnamento scolastico era titolato così: «Reclutamento docenti, 12 anni per diventare prof (forse)», dove il forse finale significava «nel caso migliore», ovviamente. Eppure, ad un’attenta lettura, l’analisi si mostrava perfino un po’ ottimista: il totale si allunga di altri quattro anni circa se nel conto…
Commenti (1)

Da bob a bob: storie di un disastro. La miopia della politica digitale

La lettura dell’unica recensione finora comparsa alla novella app del Partito Democratico mi ha regalato qualche minuto di sano divertimento: quel divertimento che, un po’ malignamente, solo le stroncature sanno dare. In questo caso la stroncatura era ancora più saporosa, perché proveniva da L’Espresso, una testata teoricamente vicinissima al Partito Democratico o almeno alle sue posizioni. Per coloro che non…
Commenti

Politica cattolica: perché nessuno è disposto a sostenerla?

Sarebbe importante interrogarsi sulla scomparsa della politica cattolica in Italia, concludevo in un precedente articolino. Nel frattempo sono accadute cose interessanti: per esempio una settimana dopo Enrico Galli della Loggia tracciava sul Corriere una specie di ipotetico programma elettorale per una forza cattolica, altri hanno posto sul tappeto esigenze simili. Ma il problema rimane: le idee ci sono sì, ma…
Commenti

La scomparsa della politica cattolica

Tra i numerosi commenti che sono stati fatti riguardo alle recenti elezioni presidenziali in Francia, ce n’è uno che merita qualche considerazione in più. Queste elezioni, è stato detto, hanno rappresentato anche la disfatta dei cattolici. Il candidato che sicuramente ne rappresentava di più le posizioni ed era cattolico lui stesso, François Fillon, non è riuscito neppure ad arrivare al…
Commenti

Articoli

Un anno senza Giorgio Israel

Un anno fa moriva Giorgio Israel, uno degli intellettuali più acuti e controcorrente che l’Italia abbia avuto negli ultimi decenni. Matematico e storico della matematica, al grande pubblico era però noto soprattutto per la sua battaglia a favore di una concezione umanistica della scuola e dell’Università. Battaglie di questo tipo sembrano più naturali da parte dei letterati, dei filosofi, degli…
Commenti (1)

Quale futuro per la cultura umanistica? A Tor Vergata il punto della situazione

Dopo tredici anni di astinenza, la cultura umanistica italiana ha di nuovo al primo posto di responsabilità per l’istruzione e la ricerca una persona che proviene dalle sue fila: la ministra Stefania Giannini (prima di lei c’era stato Tullio De Mauro, per solo un anno all’inizio del nuovo millennio). Dalle sue prime dichiarazioni, c’è qualche motivo di speranza per coloro…
Commenti