Rosita, clonata in Argentina mucca che produce latte umano

di Enrico Ferdinandi

È nata in Argentina una mucca che ha veramente qualcosa di unico. Si tratta di una mucca clonata, ma non è per questo che sta facendo parlare di se nelle ultime ore, difatti è stata “programmata” per produrre un latte del tutto simile a quello materno. Non sono mancate le reazioni di disprezzo, così come quelle di approvazione nelle ultime ore, ciò che resta è che dal punto di vista scientifico questo è un grande passo avanti.

“La mucca clonata si chiama Rosita – ha annunciato in un comunicato il National Institute of Agrobusiness Technology, il laboratorio argentino che ha “concepito” il bovino – è nata il 6 aprile con un parto cesareo dovuto al fatto che alla nascita pesava 45 kg, il doppio di un bovino normale, e quando sarà adulta produrrà latte simile a quello materno umano“.
Secondo Adrian Mutto, uno dei ricercatori del progetto Rosita:  “è il primo bovino nato al mondo che incorpora i geni umani che contengono le proteine presenti nel latte materno”
Mutto continua dicendo che: “Il nostro obiettivo era quello di aumentare il valore nutrizionale del latte di mucca con l’aggiunta di due geni umani, la proteina lattoferrina, che fornisce ai neonati protezioni antibatteriche e antivirali, e il lisozima, che è anche un agente antibatterico”.
A portare avanti il progetto sono stati gli scienziati dell’università San Martin in collaborazione con l’Istituto argentino, per ottenere questo risultato hanno inserito nel codice genetico di Rosita anche dei geni umani che si occupano della produzione di Lattoferrina (proteina del latte che rinforza il sistema immunitario) ed un enzima antibatterico, la lisozima.
Grazie a questa sostituzione genetica la mucca può quindi produrre latte materno, un latte che ha le stesse caratteristiche di quello umano e che potrebbe quindi esser usato per allattare quei bambini le cui mamme non possono per motivi di salute.
Sembra che in Cina ne siano state prodotte già 300, le fonti non sono certe ma resta il fatto che si sentirà molto parlare di questa notizia nei prossimi giorni.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook