Anonymous: McAffee annuncia il declino del clan

Gli attacchi condotti da Anonymous sono numerosi e la maggior parte sono pubblicizzati e rivendicati attraverso la pubblicazione di video che dettagliatamente spiegano le ragioni dell’agire del clan di Hackers, rispettando l’ormai noto Modus Operandi fin qui adoperato. Ribadendo le ragioni che li spingono ad agire, una su tutte la lotta per la libertà di espressione e la sua limitazione, i componenti sono soggetti molteplici dalle diverse origini e metodi, ma con in comune, il più delle volte, conoscenze informatiche di base di alto livello, cosa che permette loro di agire nel terreno di scontro di Anonymous, la rete.

 

Negli ultimi anni attacco dopo attacco sono giunti alla ribalta della cronaca internazionale, assicurandosi un posto di primaria importanza nel mondo e diventando un fenomeno cult. Tuttavia c’è qualcuno che negli ultimi tempi crede che questo movimento sia giunto al traguardo. Nel suo nuovo rapporto per l’anno a venire infatti Mc Affee (nota software house di antivirus) stima che il declino di Anonymous è vicino, e questo per alcune ragioni: da una parte, il successo stesso del movimento è diventato il nemico n°1 per Anonymous, qualsiasi soggetto può attaccare qualsiasi cosa reclamandosi come componente appartenente ad Anonymous, nuocendo dunque gravemente all’immagine del gruppo e minacciandone anche la credibilità; dall’altra  con le nuove diffuse tecnologie alcuni attacchi sembrano non rappresentare più una minaccia. Come reazione in seguito alle operazioni di Anonymous i siti governativi, le banche e altri importanti siti si sono rinforzati sul piano difensivo, magari assumendo anche un Anonimo ben retribuito.

Dunque secondo quanto previsto da McAffee, Guy Fawkes e i suoi seguaci sembrano avere le ore contate. Riusciranno ad escogitare altre tecniche per rendere i loro attacchi efficaci come sempre o soccomberanno alle difese governative rinforzate? Con l’arrivo dell’anno nuovo è lecito aspettarsi una risposta del clan, magari con il classico sorriso di Guy Fawkes dopo aver creato diversi danni chissà dove.

Manuel Giannantonio

30 dicembre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook