Il Papa nel giorno dell’Immacolata: il tradizionale omaggio alla statua della Vergine

Migliaia di fedeli, famiglie, turisti gremiscono Piazza di Spagna, per il tradizionale ossequio del Papa nel giorno dell’Immacolata Concezione: nonostante il freddo ma assolato pomeriggio romano, la folla riempie Via dei Due Macelli, Via di Propaganda e Via Condotti. Ad accogliere Benedetto XVI, giunto in papamobile accompagnato dal segretario personale mons. Georg Gaenswein, ci sono il cardinale vicario Agostino Vallini, il sindaco di Roma Gianni Alemanno, il presidente della provincia Nicola Zingaretti e la presidente della regione Renata Polverini. Su disposizione della questura, infatti, dalle 12:00, in occasione di tale evento, è stata chiusa la stazione della metro A di Spagna.

Come consueto, prima della preghiera al cospetto della statua della Vergine a Piazza Mignanelli, il Pontefice si è soffermato davanti alla chiesa della Santissima Trinità in Via Condotti per l’omaggio dell’Associazione Commercianti. «E’ sempre una gioia speciale radunarci qui, ritrovarci insieme, romani, pellegrini e visitatori, ai piedi della statua della nostra Madre spirituale, ci fa sentire uniti nel segno della fede»’, ha detto Benedetto XVI al suo arrivo. Il discorso del Pontefice ricorda il silenzio in cui avvenne l’Annunciazione, un silenzio che consente di ascoltare la voce di Dio, che non si riconosce rimanendo in superficie ma scendendo ad un livello più profondo dove le forze che agiscono non sono quelle economiche e politiche, bensì quelle morali e spirituali. «Se accadesse ai nostri tempi [l’Annunciazione], non lascerebbe traccia nei giornali e nelle riviste, perché è avvenuto in un grande silenzio, più fecondo del frenetico agitarsi che caratterizza le nostre città, di quell’attivismo che ci rende incapaci di fermarci, di stare tranquilli», spiega il Papa. La frenesia cittadina, dunque, impedisce il più delle volte di cogliere la quiete in cui avviene l’incontro tra il messaggero divino e Maria e di riflettere sul momento in cui Dio si fa uomo. La solennità dell’Immacolata offre lo spunto per meditare sui tre insegnamenti dell’annuncio dell’angelo alla Madonna: essere senza peccato originale vuole dire essere sintonizzata con Dio senza incrinature; la salvezza non è opera dell’uomo; il cristianesimo porta la vera gioia, non è un mero insieme di divieti. Il cristianesimo infatti – puntualizza il Papa – è la lieta notizia della vittoria della Grazia sul peccato e della vita sulla morte, la stessa gioia di cui Maria Immacolata è piena e di cui è pieno il cuore liberato dal peccato.

Ai piedi del monumento mariano, voluto da papa Pio IX per la proclamazione del dogma dell’Immacolata Concezione, non vi è deposto solo il dono floreale del Papa, ma anche corone di fiori da parte dei Vigili del Fuoco, in ricordo dell’intervento di oltre duecento pompieri che innalzarono la colonna commissionata dall’architetto Luigi Poletti nel 1856. Il programma di manifestazioni prosegue con la processione della parrocchia di Santa Maria delle Fratte con gli omaggi del Gran Maestro dell’Ordine di Malta, del gruppo della Legio Mariae romana e del Corpo della Gendarmeria Vaticana. Sono presenti inoltre molte rappresentanze del mondo del lavoro: il cuore della città vede infatti sfilare un grande corteo di lavoratori di aziende romane, comprese le comunali e le municipalizzate, tra cui il corpo della Polizia Comunale con il coro e la banda musicale, Atac, Metro, Cotral, Acea, Centrale del Latte, Istituto Poliografico e Zecca di Stato, Fiat, Ferrovie dello Stato, Ministero dei Trasporti e Inps.

A margine della celebrazione eucaristica in occasione del 125° anniversario della fondazione dell’Istituto Nazareth, il sindaco Gianni Alemanno dichiara: «L’8 dicembre è una festa molto importante per Roma, per la dedizione della città alla Madonna. Il nostro augurio è che la Madonna ci aiuti a superare le tante difficoltà che ha questa città e aiuti tutti a superare la crisi economica. Speriamo di trovare nella fede la forza per superare tutte le sfide».

Clelia Crialesi
9 dicembre 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook