400 migranti dispersi in mare, un’altra tragedia nel Mediterraneo

400 migranti dispersi in mare, un’altra tragedia nel Mediterraneo

Quattrocento somali sarebbero annegati nel Mediterraneo nel tentativo di toccare le coste meridionali dell’Europa. È la BBC Arabic ad annunciare l’ennesima strage di migranti che avevano intrapreso il loro viaggio senza speranza dall’Egitto.

I corrispondenti della BBc hanno già parlato con i parenti di alcuni dei quattrocento naufraghi che, «a bordo di quattro imbarcazioni sfasciate», cercavano di arrivare disperatamente in Italia. L’ambasciatore somalo in Egitto ha confermato l’incidente ed ha auspicato un intervento tempestivo per il salvataggio dei migranti: trenta sarebbero già stati salvati.

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella, nel corso della presentazione dei candidati ai Premi “David di Donatello” per l’anno 2016, ha voluto ricordare un’altra ecatombe del mare, invitando alla riflessione: «le tragedie del mare in cui perdono la vita centinaia di migranti come quella accaduta oggi, proprio nel giorno in cui ricorre l’anniversario di quella in cui morirono ottocento persone, ci debbono far pensare».

Questa strage segue il salvataggio di migranti avvenuto ieri nel Canale di Sicilia: con l’intervento della centrale di Roma della Guardia Costiera, sono state tratte in salvo 108 persone mentre sei cadaveri sono stati recuperati grazie all’aiuto dei sopravvissuti.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook