Al Policlinico Gemelli di Roma arriva la “cinematerapia”

Al Policlinico Gemelli di Roma arriva la “cinematerapia”
Cinematerapia al Policlinico Gemelli di Roma

Fino ad oggi c’erano solo i clown in corsia, medici, infermieri e tanti volontari che provavano a tirare su l’umore e ad alleviare le sofferenze ai tanti malati ospitati, spesso per lunghi periodi, nelle strutture sanitarie. Ora in Italia arriva la “cinematerapia”.

E’ stata inaugurata, ieri, presso il Policlinico “Agostino Gemelli” di Roma una vera sala cinematografica, destinata alla “terapia del sollievo”. Un cinema stabile all’interno dell’ospedale, con 130 posti e in grado di accogliere anche i pazienti non autosufficienti, a letto o in sedia a rotelle. Il primo di queste dimensioni realizzato in Europa.

Si tratta di un progetto ambizioso, costato 500 mila euro, realizzato da MediCinema Italia onlus con il sostegno di alcuni partner, tra cui la Rai e The Walt Disney Company Italia, che ha permesso la proiezione in anteprima del nuovo film in uscita nelle sale italiane “Il Libro della Giungla”. L’Amministratore Delegato di Walt Disney Italia, Daniel Frigo, commenta così l’iniziativa: «Questa è una di quelle cose che si fanno con il cuore. Portare la magia dell’intrattenimento ai bambini e alle famiglie in difficoltà, è un valore fondamentale per la nostra compagnia».

La sala cinematografica all’interno dell’ospedale offrirà a medici e ricercatori l’opportunità di verificare l’efficacia della “cinematerapia” sui malati e di studiare in particolare gli effetti benefici su bimbi che affrontano malattie oncologiche e su pazienti anziani con patologie neurologiche.

«Il nostro obiettivo – sostiene Celestino Pio Lombardi, responsabile della Commissione medico-scientifica del progetto- è quello di ridurre lo stress dei pazienti, cercare di rimuovere in qualche modo le preoccupazioni di chi deve sottoporsi a un’operazione chirurgica o a un esame fastidioso, ma anche, per esempio, a donne che hanno una gravidanza difficile».

Il cinema, dunque, utilizzato come strumento per curare gli stati negativi dell’anima, lenire le ansie fino ad aiutare la riabilitazione neurologica dei pazienti.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook