Gran Bretagna: l’ombra di Anonymous sui giochi Olimpici

I giochi Olimpici di Londra 2012 sono vulnerabili ai cyber attacchi ? E quello che si sta chiedendo la polizia della capitale britannica, che teme un possibile attacco di questo tipo firmato dal collettivo Anonymous ormai temutissimo. Le olimpiadi sono un evento atteso da tutto il mondo, ci sono gli occhi del globo puntati sulla manifestazione che nell’era digitale di cui facciamo parte è al centro anche dell’attenzione di internet. Nella giornata di ieri, Twitter era praticamente in panne, (20.000 twit al minuto) e meltybuzz sospettava un attacco dei cyber attivisti proprio in occasione della rassegna sportiva continentale. La causa ? Il video postato dal gruppo circa 4 mesi fa.

I social network però rischiano di subire un “sovraffollamento” di connessioni data la portata mediatica dell’evento e dunque per il momento non è da tralasciare nemmeno questa ipotesi per gli investigatori virtuali. Anche l’autorevole Los Angeles Times considera l’ipotesi di un cyber attacco firmato Anonymous che potrebbe sfruttare la situazione per deviare e concentrare l’attenzione su una loro causa politica. Questo gruppo potrebbe dunque cercare di piratare siti web delle Olimpiadi modificandoli e sabotandone il contenuto o falsificando direttamente gli eventi. La città quindi si sta preparando e ha già mobilitato più di 3500 tecnici e ingegneri in tecnologia dell’informazione per controllare i sistemi di natura informatica dell’intera manifestazione. Nel 2008, nel corso dei giochi Olimpici di Pechino, 12 milioni di cyber attacchi sono stati registrati, circa 500 000 all’ora. Quest’anno queste cifre potrebbero essere tranquillamente superate. Il numero di persone connesse è considerevolmente aumentato in ragione della facilità di accesso al portale virtuale grazie all’uso dei diffusissimi Smartphone, Tablet e altri dispositivi di questo tipo. Data la rilevanza di alcuni attacchi recenti firmati Anonymous e alcune cause ancora in corso per le quali il collettivo sta ancora lottando (come la chiusura del portale Megavideo Limited di Kim DotCOM)  credete che sia possibile un loro attacco durante lo svolgimento delle olimpiadi ?

Manuel Giannantonio

28 luglio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook