Olio di palma; Basiron (MPOC): Bene Risoluzioni del Parlamento italiano

Olio di palma; Basiron (MPOC): Bene Risoluzioni del Parlamento italiano

Accolte con favore le risoluzioni su quest’olio vegetale privo di OGM e di pericolosi grassi trans

Kuala Lumpur, 17 settembre 2015 – “Accogliamo con favore le risoluzioni sull’olio di palma presentate nel Parlamento italiano da Dorina Banchi, deputata del gruppo Nuovo Centrodestra-Alleanza Popolare e da Giovanni Monchiero, Pierpaolo Vargiu e Ilaria Capua, deputati del gruppo di Scelta Civica. Si tratta di risoluzioni che evidenziano finalmente i benefici ambientali, economici e della salute relativi all’olio di palma e che offrono un’importante spunto critico nei confronti della campagna discriminatoria in corso in Italia contro questo olio”. Così il Ceo del Consiglio Malese per l’Olio di Palma (MPOC), Yusof Basiron.

“La politica ha la responsabilità di difendere, tra le altre cose, anche la verità scientifica e di adottare le migliori politiche per tutelare la salute dei consumatori. Ci auguriamo che il governo italiano voglia sostenere tale iniziativa e le ragioni addotte a favore dell’olio di palma. L’Italia – prosegue Basiron – è oggi uno dei migliori partner della Malesia ed entrambi i Paesi traggono beneficio da una partnership commerciale in continua crescita. Sarebbe un peccato se una manciata di parlamentari del Movimento 5 Stelle e alcuni del Partito Democratico, sostenuti da alcune associazioni ONG e gruppi di interesse, mettessero a rischio il buon rapporto che intercorre tra i due Paesi e che si concretizza in un contributo al Pil pari ad 1 miliardo, 500 milioni sotto forma di tasse e più di 14,000 posti di lavoro”.

“Peraltro, si tratta dell’olio vegetale più efficiente al mondo in quanto è in grado di generare più olio per ettaro di qualsiasi altra coltivazione oleaginosa: un olio salutare che è riconosciuto dagli scienziati come il miglior ingrediente sostitutivo dei dannosi grassi trans, recentemente vietati per legge negli Stati Uniti” – conclude Basiron.

L’olio di palma è un olio naturale privo di OGM e non contiene i pericolosi grassi trans. Si tratta di un olio equilibrato, con il 50% acidi grassi saturi e il 50% di grassi insaturi. Questo equilibrio fornisce ottime qualità per la cottura e la produzione alimentare. L’olio di palma è stato anche utilizzato come sostituto dei dannosi grassi trans, contribuendo a ridurne l’uso prevalente fatto in Europa. I grassi trans infatti aumentano il colesterolo cattivo (LDL) e diminuiscono i livelli di colesterolo buono (HDL).

Articoli recenti, promossi da interessi protezionistici e pubblicati sui media italiani, hanno sostenuto che l’olio di palma possiede aspetti negativi ed è quindi dannoso per la salute. Purtroppo, questi articoli sono fuorvianti e contribuiscono alla disinformazione verso i consumatori italiani. L’olio di palma – come tutti gli olii – è un componente sano all’interno di una dieta equilibrata. Numerosi ricercatori ed esperti di tutta Europa hanno confermato che è sicuro e non dovrebbe essere temuto, tantomeno demonizzato.

Un recente studio della Fondazione Francese per l’Alimentazione e la Salute, inoltre, ha spiegato che l’olio di palma non è affatto pericoloso né dannoso e che la quantità consumata in Europa non è eccessiva come molti sostengono, anzi. Lo studio ha anche elogiato il ruolo dell’olio di palma nella riduzione del consumo di grassi trans in Europa.

Allo stesso modo uno studio realizzato nel 2014 dall’Istituto Mario Negri, condotto dalla Dr.ssa Elena Fattori e dal Dott. Roberto Fanelli, ha confermato un punto significativo: non vi sono, infatti, riscontri che l’olio di palma sia dannoso né tantomeno cancerogeno.

L’olio di palma è la fonte mondiale più ricca di carotenoidi, un composto chimico naturale, contenuto 15 e 30 volte di più nell’olio di palma rispetto a carote e pomodori. Il palma è anche una delle fonti più ricche di tocotrienoli e tocoferoli, che contengono vitamina E, ritenuta dagli esperti in grado di aiutare nella protezione contro il cancro e nel processo di reversione della neuro-degenerazione.

Il colore rosso dell’olio di palma non raffinato è dovuto al suo elevato contenuto di carotenoidi, circa 500/2000 mg per kg rispetto a circa 100 mg per kg negli altri oli vegetali. L’Istituto Francese di Ricerca per lo Sviluppo ha condotto una ricerca sull’utilizzo dell’olio di palma per affrontare la carenza di vitamina A nei paesi in via di sviluppo. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità la carenza di vitamina A affligge più di 250 milioni di bambini in tutto il mondo ed è la causa della morte di un numero oscillante fra i 125.000 e 250.000 bambini ogni anno.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook