Roma si prepara alla beatificazione di Giovanni Paolo II

di Enrico Ferdinandi

Roma in queste ore si sta preparando ad accogliere i fedeli per quello che sarà un evento importantissimo per i cristiani di tutto il mondo: la beatificazione di Papa Giovanni Paolo II.
Ieri ci sono stati momenti di grande suggestione e commozione quando è stata estratta la bara che contiene le spoglie mortali di Papa Wojtyla e che sarà traslata in basilica domani mattina prima della cerimonia, per poi essere posta sotto l’altare della cappella di S. Sebastiano dopo le cerimonie della beatificazione.

Da quest’oggi fino al 2 Maggio saranno molte le iniziative volte ad accompagnare la beatificazione di un Papa che è riuscito nel corso degli anni a cambiare il mondo moderno ed a modernizzare la chiesa, riavvicinando i giovani alla religione. L’appuntamento più importante di questa giornata si svolgerà nella serata quando al Circo Massimo migliaia di fedeli si riuniranno per una veglia di preghiera di preparazione per la solenne celebrazione di domani in San Pietro quando Benedetto XVI beatificherà ufficialmente il suo predecessore.
Per lunedì due maggio invece è prevista una messa di ringraziamento. A Roma si prevede l’arrivo di più di un milione e mezzo di fedeli per questo sono state prese misure di allerta e sono stati triplicati i controlli da parte delle forze dell’ordine. Numerose strade saranno interdette al traffico e ci saranno intere zone dedicate all’evento con allestimento di maxischermi, come ad esempio a Tor vergata, luogo dove Giovanni Paolo II incontrò nel 2000 i giovani in occasione del Giubileo.
Il sindaco di Roma Gianni Alemanno ha precisato che è un evento importantissimo per la capitale in quanto: “Papa Giovanni Paolo II è stato amico di tutta la città: ogni romano ha sentito la presenza di un padre che lo proteggeva e lo guidava”. Alemanno aggiunge che la beatificazione di Papa Wojtyla rappresenterà per la città “un momento di grandissima partecipazione, anche se l’evento sarà comunque ispirato alla sobrietà, senza protagonismi”.
In queste ore il Vaticano rende noto che nella lista dei presenti per domani si contano più di 87 delegazioni straniere tra cui 16 capi di stato, ci saranno inoltre cinque famiglie reali che insieme ai capi di stato a fine cerimonia sfileranno davanti alla bara del santo nella basilica di San Pietro e rivolgeranno poi un breve saluto a Benedetto XVI, nella sagrestia, accanto alla Pietà di Michelangelo. Tra loro saranno presenti anche Silvio Berlusconi ed il Presidente Giorgio Napolitano.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook