Si è suicidato Cheung Sai-ho, il calciatore che fece il gol più veloce del mondo

di Enrico Ferdinandi

Cheung Sai-ho uno dei calciatori giapponesi più famosi del mondo si è suicidato gettandosi dal 36esimo piano di un grattacielo di Hong Kong. Gli appassionati di calcio lo ricordano come il giocatore che ha segnato il gol più veloce della storia: Nel 1993 Cheug Sai-ho mentre giocava con la nazionale giovanile di Hong Kong alla Portsmouth Cup in Inghilterra segnò un gol in meno di tre secondi.

Record certificato dalla Fifa e video della performance che ancora oggi vanta centinaia di visualizzazioni sul Web. Furono 2,8 secondi per la precisione i secondi con i quali segnò quel famosissimo gol, aveva 18 anni ed il suo record rimase imbattuto fino al 2009 quando il saudita Nawaf Al Abed centrale offensivo dell’ Al-Hilal segnò dopo appena due secondi dal fischi d’inizio.
Nel corso della sua carriera Cheung giocò sia in prima che in seconda divisione di Hong Kong, nel 2003 venne nominato miglior calciatore dell’anno ed è stato un punto di riferimento per la nazionale nipponica. Molti tifosi quest’oggi lo hanno ricordato facendo rivedere le immagini della vittoria contro il Timor Est nel 2007-2008 per le qualificazioni ai campionati mondiali del 2010 in Sud Africa, quando il Giappone vinse per 8 a 1 con una prestazione superba di Cheung che trascinò la squadra alla vittoria.
Secondo il South China Morning Post il calciatore Cheung Sai-ho dopo un litigio con la moglie avrebbe deciso di farla finita gettandosi dalla finestra dell’appartamento nel quale vivevano.
Secondo quanto ricostruito dalla polizia locale Cheung tornato a casa tra le quattro e le cinque del mattino avrebbe avuto una veemente discussione con la moglie, la causa del litigio sarebbe dovuta a motivazioni economiche legate alla loro relazione. Intorno alle 6 del mattino il calciatore ha deciso di farla finita, il forte schianto dovuto dalla sua caduta ha subito richiamato l’attenzione della guardie del palazzo ma ormai non c’era più niente da fare.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook