Istat, conti pubblici: nel terzo trimestre indebitamento in calo

L’Istat, in una nota diffusa quest’oggi ha rilevato che:  “Nel terzo trimestre 2011 l’indebitamento netto delle Amministrazioni Pubbliche è stato pari al 2,7% del Prodotto interno lordo (Pil), valore inferiore di 0,8 punti percentuali rispetto a quello registrato nel corrispondente trimestre del 2010. Nei primi nove mesi del 2011 si è registrato un rapporto tra indebitamento netto e Pil pari al 4,3%, inferiore di 0,3 punti percentuali rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente -continua l’Istat-.

Nel terzo trimestre 2011 il saldo primario (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato positivo e pari a 6.615 milioni di euro. L’incidenza sul Pil è stata dell’1,7%. Il saldo corrente (risparmio) è stato pari a -494 milioni di euro (era stato -2.084 milioni di euro nel corrispondente trimestre dell’anno precedente), con un’incidenza negativa sul Pil dello 0,1%. Nel terzo trimestre 2011 le uscite totali sono diminuite, in termini tendenziali, dello 0,4%. Le uscite correnti sono aumentate dello 0,5%, mentre quelle in conto capitale sono diminuite del 12,1%”.
Nella nota si può inoltre leggere che: “Nei primi nove mesi del 2011 le uscite totali sono aumentate dell’1,1% in termini tendenziali, mostrando un’incidenza sul Pil del 47,5% (47,8% nel corrispondente periodo del 2010). Le entrate totali nel terzo trimestre del 2011 sono cresciute, in termini tendenziali dell’1,4%. Le entrate correnti sono aumentate dell’1,4%, quelle in conto capitale del 2,8%. Nei primi nove mesi del 2011, le entrate totali sono aumentate dell’1,6% in termini tendenziali, mostrando un’incidenza sul Pil del 43,2%, invariata rispetto al corrispondente periodo del 2010.Nel terzo trimestre del 2011, l’indebitamento netto delle Amministrazioni Pubbliche in rapporto al Pil è stato pari al 2,7% (3,5% nel corrispondente trimestre del 2010). Complessivamente, nei primi nove mesi del 2011 si è registrato un indebitamento netto pari al 4,3% del Pil, in miglioramento di 0,3 punti percentuali rispetto al corrispondente periodo dell’anno precedente. Il saldo primario (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato positivo e pari a 6.615 milioni di euro (+2.148 milioni di euro nel corrispondente trimestre del 2010). Nei primi nove mesi del 2011 si è registrato un saldo primario positivo pari allo 0,3% del Pil, in miglioramento rispetto al -0,3% dello stesso periodo del 2010. Nel terzo trimestre 2011, il saldo corrente (risparmio) è risultato negativo per 494 milioni di euro, in miglioramento rispetto ai -2.084 milioni di euro registrati nel corrispondente trimestre dell’anno precedente. L’incidenza sul Pil è stata di -0,1%, a fronte di un valore di -0,5% registrato nel corrispondente trimestre del 2010. Complessivamente, nei primi nove mesi del 2011 il saldo corrente in rapporto al Pil è stato negativo e pari all’1,8% (-1,9% nel corrispondente periodo del 2010”.

a cura di Virginio Sapio

11 gennaio 2012

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook