Trovata plastica nella birra da ricercatori tedeschi. Dubbi sulla serietà dello studio e minacce di querele

Trovata plastica nella birra da ricercatori tedeschi. Dubbi sulla serietà dello studio e minacce di querele

trovata-plastica-nella-birraIn una recente trasmissione televisiva per consumatori “Markt”, andata in onda sul canale televisivo regionale pubblico Norddeutscher Rundfunk (NDR), è stato denunciato che quasi tutte le grandi marche di birra tedesche conterrebbero micro-fibre plastiche. Una quantità di particelle plastiche che i ricercatori del laboratorio “Marchem ritengono nociva per la salute pari o fino a 79 al litro nelle birre più conosciute in Germania, come la Jever (birra tedesca del nord venduta in tutta la Germania), Paulaner-Weißbier, Warsteiner, Krombacher e Veltins.

Un duro colpo per l’industria della birra tedesca, già confrontata da anni con un continuo calo dei consumi soprattutto in questi giorni se si pensa che tra pochi giorni iniziano i mondiali di calcio.

Si sospetta che le particelle plastiche siano contenute nell’acqua di rubinetto, spesso usata dai Birrifici, quando le sorgenti non bastano a coprire il fabbisogno d’acqua. Infatti la purezza dell’acqua è di grande importanza per produrre una buona birra anche se i consumatori hanno fiducia nei produttori di birra, sull’utilizzo di filtri all’avanguardia e l’affidabilità dei test di qualità.

Intanto il Politecnico di Monaco di Baviera e altri istituti, negli scorsi giorni, hanno eseguito delle analisi indipendenti che hanno stabilito l’assenza di micro-fibre in plastica nelle birre tedesche prese in considerazione nella ricerca di cui ha parlato la trasmissione della NDR. L’associazione dei birrifici tedeschi starebbe muovendo i primi passi per denunciare la NDR e il professor Leibezeit.

Redazione
5 giugno 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook