Erdogan, storico messaggio di condoglianze per genocidio degli armeni

Erdogan, storico messaggio di condoglianze per genocidio degli armeni

Erdogan messaggio condoglianze «È con questa speranza e convinzione che noi desideriamo che gli Armeni che hanno perso la vita all’inizio del ventesimo secolo riposino in pace e noi porgiamo le nostre condoglianze ai loro nipoti».

Questo il testo dello storico telegramma inviato dal premier turco, Recep Tayyip Erdogan, che ha così espresso il suo cordoglio ai discendenti degli Armeni uccisi, in occasione del 99º anniversario.

 Continua il primo ministro: «Ciò che e’ successo durante la Prima Guerra Mondiale e’ motivo di dolore per tutti. E’ una responsabilità morale valutare e ricordare questo periodo doloroso di storia con una memoria giusta ».

La notte del 24 aprile 1915 iniziava, infatti, lo sterminio del popolo armeno nei territori dell’Impero ottomano. Il motivo? L’etnia. Gli Armeni che erano cristiani in gran parte monofisiti (organizzati in diversi millet)  ed indoeuropei, erano di troppo in uno futuro stato nazionale turco, compatto e privo di elementi “spuri”.

L’ondata persecutoria iniziò a Costantinopoli dove furono arrestati ed uccisi intellettuali e notabili ma che non risparmiò le vite dei civili, di donne e bambini: massacri, deportazioni, confische di beni e di terre. Perirono oltre un milione e mezzo di persone in questo genocidio dimenticato, che la Turchia non ha voluto mai riconoscere. Proprio per questo il messaggio del premier turco assume un valore molto importante e suscettibile di futuri sviluppi. Avvicinamento all’UE?

Rimane l’interrogativo del mistero del male degli uomini, sulla causa che ancora oggi provoca tutto questo dolore? Non è aver perso delle persone care, o la nostra terra… È la consapevolezza di poter essere odiati così tanto (Ararat – Il monte dell’Arca).

Cristian Cavacchioli
24 Aprile 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook