Due parole con un’amica: cosa significa il ritiro dalla Convenzione di Istanbul per la Turchia

Due parole con un’amica: cosa significa il ritiro dalla Convenzione di Istanbul per la Turchia

La settimana scorsa la notizia ha fatto il giro del mondo, lasciando increduli milioni di donne turche ed altrettante in altri paesi. La Turchia ha deciso di ritirarsi dalla Convenzione di Istanbul, il trattato internazionale sulla prevenzione e la lotta contro la violenza nei confronti delle donne. La convenzione era stata patrocinata dal Consiglio d’Europa ed era stata siglata nel 2011 proprio ad Istanbul dal governo dell’attuale presidente Recep Tayyip Erdogan. Unanimi le parole di indignazione che si sono levate da partiti ed associazioni di opposizione e dalla maggior parte dei paesi europei ed occidentali. Negli scorsi giorni migliaia di donne sono scese in piazza per protestare contro la decisione e gridare al mondo la pessima situazione concernente il problema dei femminicidi nel paese: 300 vittime nel 2020. Per fare un paragone con l’Italia, dove nello stesso anno sono morte 75 donne, i numeri certificano un dato quasi quattro volte superiore.

Per capire meglio il perché delle ragioni di questa decisione e per raccogliere il più possibile una testimonianza veritiera sono andato a parlare con una mia storica amica che da quasi cinque anni vive qui a Roma. L’ho conosciuta sette anni fa durante la nostra permanenza di studio all’Università di Salisburgo per il progetto ERASMUS.

E.S. si è laureata dapprima in giurisprudenza ad Istanbul, poi in Sviluppo e Cooperazione Internazionale qui a Roma. Dopo un’esperienza alla FAO, durante la pandemia ha fatto anche da corrispondente estero per alcune televisioni turche, specialmente durante la prima fase, in cui l’Italia stava vivendo, per prima in Europa, gli effetti del Coronavirus.

 

E., come mai hai deciso di venire a studiare qui a Roma?

Avevo solo 10 anni quando l’AKP è diventato il partito al governo. Si può dire che la mia generazione è cresciuta nella Turchia di Erdogan. Abbiamo assistito a un cambiamento drammatico in quasi ogni sfera della vita, arrivando alla fine a un punto in cui noi, cittadini laici, ci sentiamo stranieri nel nostro paese. Soprattutto dopo gli eventi del parco Gezi nel 2013, il cambiamento della Turchia è stato come uno schiaffo in faccia. Non ero più in grado di riconoscere la mia città. Abbiamo assistito ad attacchi terroristici, rivolte civili, tentativi di colpo di stato durante i quali caccia F16 volavano sopra i nostri appartamenti in quartieri un tempo sicuri.

Inoltre, essere un avvocato in quell’atmosfera è qualcosa di veramente estenuante. Ho deciso di lasciare la mia famiglia e gli amici, trasferirmi in un paese straniero e cambiare la mia vita. Ho scelto l’Italia perché conoscevo già la lingua e avevo amici e parenti qui.

 

Puoi spiegarci cosa è successo esattamente la settimana scorsa? Cosa ha fatto il governo turco?

La campagna misogina, religiosa e conservatrice condotta contro la Convenzione di Istanbul ha dato risultati e, nel cuore della notte, la Turchia si è ritirata dalla Convenzione di Istanbul con un decreto presidenziale.

Tutto è iniziato nel febbraio 2020, quando il presidente Erdoğan ha affermato che era necessario rivedere la Convenzione. Nello stesso periodo e nel periodo successivo sono state fatte pubblicazioni e propagande in Immagine tratta da medyanews.netalcuni organi dei media conservatori e comunità religiose, affermando che la Convenzione ‘ha interrotto la struttura familiare turca’ e ‘ha preparato una base giuridica per l’omosessualità’. È stato affermato che le deputate del partito AKP si sono opposte al ritiro dalla Convenzione e una notizia che hanno espresso al presidente, ovvero che ‘c’è un tentativo di creare un falso,influenzare la percezione della Convenzione da parte dell’opinione pubblica’, si è riflessa sulla stampa.

Durante questi dibattiti, la violenza contro le donne è diventata più visibile attraverso i media. Soprattutto dopo gli omicidi di Pınar Gültekin ed Emine Bulut, c’è stata un’enorme reazione sociale. Subito dopo è stata organizzata la campagna “La Convenzione di Istanbul ti tiene in vita” (Istanbul Convention keeps you alive) e sono state organizzate proteste di massa. L’accordo sulla Convenzione è stato risolto per quanto riguarda la decisione della Turchia, con decreto del Presidente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il 20 marzo 2021.In realtà, legalmente,  l’accordo non può essere ritirato senza l’approvazione parlamentare, poiché è stato approvato dal parlamento. Il diritto di approvare il ritiro spetta al parlamento, ai sensi dell’articolo 90 della Costituzione. Tuttavia, il governo afferma che il presidente ha l’autorità di ritirarsi dagli accordi internazionali.

 

Che cosa si intende esattamente quando si parla della Convenzione di Istanbul del 2011?

La Convenzione del Consiglio d’Europa sulla prevenzione e la lotta alla violenza contro le donne e la violenza domestica, meglio nota come Convenzione di Istanbul, è un trattato sui diritti umani del Consiglio d’Europa, contro la violenza sulle donne e la violenza domestica, che è stato aperto alla firma l’11 maggio 2011, a Istanbul, in Turchia. La convenzione mira alla prevenzione della violenza, alla protezione delle vittime e alla fine dell’impunità per i responsabili.
La Convenzione di Istanbul è il primo strumento legalmente vincolante che “crea un quadro giuridico completo e un approccio per combattere la violenza contro le donne” e si concentra sulla prevenzione della violenza domestica, sulla protezione delle vittime e sul perseguimento degli imputati. Essa caratterizza la violenza contro le donne come una violazione dei diritti umani e una forma di discriminazione.

 

Per quale motivo il governo turco e il presidente Erdogan hanno deciso di prendere una decisione di questo tipo? Quale giustificazione è stata data alle donne?

Erdogan è diventato recentemente più vulnerabile politicamente. Si è inchinato alle richieste dei sostenitori della linea dura, sia all’interno del suo partito conservatore AKP che nell’opposizione islamista, in cambio del loro sostegno. Gli oppositori della convenzione si sono lamentati del fatto che incoraggia il divorzio e mina i valori familiari tradizionali. Trovano particolarmente problematico che i firmatari debbano proteggere le vittime dalla discriminazione indipendentemente dal loro orientamento sessuale o identità di genere. La loro preoccupazione è che questa singola clausola possa portare al matrimonio gay.Il portavoce del presidente Erdogan, Fahrettin Altun, ha sostenuto che l’intenzione originale della Convenzione di Istanbul di promuovere i diritti delle donne era stata “dirottata da un gruppo di persone che tentavano di normalizzare l’omosessualità” e che era incompatibile con i valori sociali e familiari della Turchia.

Il partito AKP, con radici islamiche, nel corso del tempo ha espresso sempre più sentimenti anti-LGBT+. Il più importante finora è stato un tweet del ministro dell’Interno Suleyman Soylu che ha definito le persone LGBT + “pervertite”. Un commento che ha comportato delle reazioni di ammonimento da parte di Twitter. Per sedare le critiche, i membri di alto livello dell’AKP hanno annunciato che avrebbero affrontato la violenza domestica attraverso una riforma giudiziaria e una Convenzione di Ankara, che avrebbe rivendicato il suo potere da “tradizioni e costumi”. In risposta, le donne nei circoli filogovernativi e altrove, si sono rivolte ai social media per criticare il riferimento a “usi e costumi”, che a loro avviso designa le donne come cittadine di seconda classe.

 

 Che impatto può avere sulla società turca un segnale di questo tipo?

È un vero peccato per la Turchia. In termini di diritto internazionale, questa è la convenzione più avanzata che protegge le donne dalla violenza. Ciò significa “Non vogliamo una vita priva di violenza per le donne”. Inoltre, non so quale tipo di legge dica che tutto ciò possa essere risolto con un decreto. La decisione per il ritiro è un trauma per noi donne Turche. Compresi coloro che votano per il partito al governo, la stragrande maggioranza della società sostiene la convenzione. Gruppi marginali molto piccoli hanno sfruttato la convenzione… E il governo ha fatto concessioni a questi gruppi.

Questa situazione che rappresenta un trauma per la Turchia in termini di democrazia e diritti umani. A differenza di quanto affermano alcuni gruppi marginali, la Convenzione di Istanbul non è ne una convenzione che distrugge i valori morali ne una convenzione che danneggia la famiglia. Al contrario, consente standard morali più elevati e rafforza l’istituzione familiare. Non riesco a capire come si possa opporsi a questo. La decisione di ritiro è il permesso per la violenza. Il ritiro sarà possibile tre mesi dopo la notifica al Segretariato Generale del Consiglio d’Europa. Dal momento in cui il ritiro entrerà in vigore, il Consiglio d’Europa e la Commissione GREVIO non avranno l’autorità di controllare la Turchia. Questa è una conseguenza del regime di un solo uomo. Mettono le donne sul tavolo della politica. Una sola persona non può far tornare questo paese indietro di cento anni con una decisione improvvisa. Non può fare delle donne oggetto di trattative.

 

La decisione di ritirarsi dalla convenzione ha a che fare con il licenziamento del governatore della Banca di Turchia, Naci Agbal? Entrambi i fatti sono accaduti nella stessa giornata.

Non c’entrano ma sono entrambi prodotti di un regime in cui un solo uomo decide su tutto. Qualunque sia la logica, c’è la sensazione che l’uomo che ha dominato la Turchia dal 2002 stia cercando di consolidare la sua base di sostegno conservatore mentre i sondaggi di opinione segnalano il malcontento tra gli elettori. Anche i pubblici ministeri in Turchia si stanno muovendo per bandire il terzo partito più grande del paese, il Partito Democratico dei Popoli (HDP) con radici curde. La loro mossa è vista come emanata dalle richieste del Partito del Movimento Nazionalista (MHP) di estrema destra, un alleato dell’AKP del presidente. In un’epoca segnata da coronavirus, disoccupazione e fragilità economica, tutte queste mosse sembrano essere correlate. Ma mentre cerca di rafforzare la sua posizione, anche Erdogan sta correndo dei rischi.

 

Per quale motivo allora fu lo stesso Erdogan il primo a firmare la Convenzione nel 2011?

La conoscenza della Turchia con la Convenzione di Istanbul è iniziata dopo che un caso di femminicidio è stato portato davanti alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU). In questo caso, lo Stato non è riuscito a proteggere la vittima, Nahide Opuz, che è stata sottoposta ad anni di violenza prolungata per mano del marito. L’insensibilità mostrata sia dalla polizia che dalla magistratura alle ripetute minacce di morte da parte Immagine tratta da CNN.comdel marito nei confronti di Opuz e di sua madre, aveva alla fine provocato un’aggressione armata durante la quale la madre è rimasta uccisa. Nel caso Opuz contro la Turchia, per la prima volta, la Corte ha rilevato che un governo ha negato a una donna il diritto alla vita, non riuscendo a prevenire la violenza maschile contro le donne. Questa sentenza è stata anche pionieristica, poiché ha elaborato la natura degli obblighi dello Stato rispetto alla prevenzione della violenza contro le donne e misure per proteggere le donne dalla violenza. Quando la Convenzione di Istanbul è stata introdotta per la firma a Istanbul nel 2011, la Turchia è diventata il primo firmatario e il primo paese a ratificare la Convenzione. Nessuna persona ha mostrato dissenso. Abdullah Gül era il presidente, Recep Tayyip Erdoğan era il primo ministro e Ahmet Davutoğlu era il ministro degli affari esteri e nessuno di loro ha fatto alcuna osservazione. Non c’è stata alcuna reazione nemmeno dall’opposizione, è stata approvata da tutta la nazione.

Il governo del Partito per la giustizia e lo sviluppo (AKP) ha beneficiato ripetutamente della Convenzione, usandola per accrescere il proprio prestigio internazionale e non ha mai evitato di presentarla come un’ulteriore prova della sua determinazione ad affrontare la violenza contro le donne. Nel caso della Convenzione di Istanbul, a differenza di altri paesi, le femministe in Turchia non hanno sentito il bisogno di ricorrere alla campagna elettorale, poiché altre dinamiche come le relazioni Turchia-UE erano servite da forza trainante per la ratifica. L’uscita della Turchia dalla Convenzione di Istanbul contro la violenza di genere è gravissima e segna l’isolamento definitivo del paese dal mondo occidentale.

 

 Come è la situazione riguardo ai diritti delle donne e all’emancipazione femminile nel tuo paese?

La violenza contro le donne e il femminicidio sono un problema serio in Turchia, con una copertura mediatica quotidiana della questione.

Nel 2020, 300 donne sono state uccise e il tasso non mostra segni di rallentamento, con 87 donne uccise finora quest’anno, secondo il gruppo per i diritti delle donne We Will Stop Femicide Platform. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità mostrano che il 38% delle donne in Turchia sono state vittime di violenza da parte di un partner nel corso della loro vita. Considerate le centinaia di omicidi di donne da parte di partner ed ex partner in Turchia ogni anno, la mossa di Erdoğan di ritirarsi dal trattato e di utilizzarlo come arma per fini politici e di ignorare le necessità di protezione disperatamente necessarie per le donne del trattato, è scioccante. Questa è un’emergenza per noi. Il fatto che il governo non la affronti e stia facendo l’esatto contrario, per me è semplicemente impensabile.

 

In che modo andrebbero affrontati secondo te i temi di cui abbiamo parlato? Intendo sia in Turchia sia in Italia.

Ogni giorno sentiamo che le donne vengono massacrate dagli uomini e che provano un immenso dolore. Con politiche efficaci e globali dello stato, le donne possono essere protette dalla violenza maschile e i femminicidi possono essere fermati. È necessario tenere in considerazione che le donne sono, il più delle volte, soggette a violenza da parte dei loro familiari, partner stretti e persone della loro cerchia ristretta. Anche i sentimenti di vergogna, paura e disperazione e il numero di denunce devono essere considerati molto di più. Anche quando la denuncia viene ritirata, la responsabilità delle forze dell’ordine non dovrebbe finire lì. Si dovrebbero svolgere delle indagini, raccogliendo prove ed esaminando dichiarazioni di testimoni e referti medici. L’opposto significa la negligenza.

 

Quale futuro prevedi per la Turchia tra dieci anni? E per le donne turche?

Voglio sempre credere che ci saranno giorni più luminosi. Nonostante il fatto che negli ultimi decenni il paese sia stato emarginato, credo che tutto questo finirà presto. Credo di sì, perché credo nelle giovani generazioni e nelle donne coraggiose in Turchia.

 

Intravedi il tuo futuro più in Turchia o più in Italia?

Credo che ovunque tu vada, porti con te la geografia in cui sei nato. Non è qualcosa a cui puoi rinunciare o lasciarti alle spalle. Amo la mia vita qui in Italia e dopo 5 anni qui mi sento abbastanza integrata nella società. Detto questo, sarò sempre la straniera qui, anche se ci passerò tutta la mia vita.
Essere nuovi in un paese straniero è qualcosa di molto simile ad una rinascita. Devi imparare di nuovo tutto ciò che hai imparato, daccapo. Da “Chi posso chiamare se la lavatrice non funziona” a “come richiedere l’assicurazione sanitaria”. La lingua che tua madre ti ha insegnato non è più valida, impari la nuova lingua. Riapprendi tutto come un nuovo nato. Per ora posso dire che mi sento come se l’Italia fosse casa mia, ma per il futuro è troppo presto per dirlo!

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook