Lulzsec: Nessun addio, attacco a Murdoch

di Enrico Ferdinandi

Il gruppo di hacker più temuto del pianeta aveva nelle scorse settimane annunciato di “esser uscito dal giro” con un addio che però era palpabilmente poco veritiero. Così i membri della LulzSec hanno ben pensato di tornare alla ribalta degli attacchi informatici colpendo il personaggio che in questi giorni si trova nell’occhio del ciclone per via dello scandalo “News of the Word”: Rupert Murdoch.

Difatti gli hacker sono entrati nelle scorse ore nel sito web della testata The Sun (altra testata di proprietà di Murdoch) ed hanno poi pubblicato una notizia (naturalmente falsa) inerente la morte, niente di meno, che di Rupert Murdoch in persona. LulzSec non ha tuttavia violato l’home page del sito, si è limitata a reindirizzare la pagina verso l’indirizzo “newtimes.co.uk/sun” dove migliaia di visitatori hanno potuto leggere la falsa notizia. Dopo alcune ore il gruppo di hacker ha comunicato di aver modificato i Dsn di tutti i siti Web di proprietà di Murdoch, ovvero quelli della News International, e di aver inoltre estratto e pubblicato su internet i dati personali di alcuni dipendenti del gruppo. Tra le “vittime” (forse sarebbe opportuno parlare di carma) anche Rebekah Brooks, l’uomo al centro dello scandalo intercettazioni che ha portato alla chiusura del News of The World.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook