MySpace, è crisi: Murdoch pronto a “svendere” per 35 milioni

di Enrico Ferdinandi

I Social Network sono sempre più al centro delle strategie aziendali e del mercato legato al web. Mentre quest’oggi Google ha annunciato le sperimentazioni per un nuovo social network che avrà lo scopo di sfidare Facebook (sembra il caso di dire Face to Face) un altro sembra destinato sempre più verso il tramonto. Stiamo parlando del primo Social Network ad esser entrato nelle nostre vite permettendoci di allacciare una rete di amicizie online e fornendo un proprio “spazio” personale su internet: MySpace.

MySpace ebbe il suo periodo di maggior successo proprio quando nel 2005 Murdoch lo acquisto per la cifra considerevole di 580 milioni di dollari. L’arrivo di Facebook segnò però un progressivo declino, con conseguenti perdite di utenti. Fino ad oggi, le quotazioni del Social Network sarebbero scese drasticamente tanto che Rupert Murdoch sarebbe disposta a venderlo alla società Specific Media per la cifra d 35 milioni di dollari. Seppur le conferme non siano ufficiali c’è grande attenzione attorno a questa trattativa. MySpace ha segnato un epoca e resta comunque uno dei siti più visitati, e seppur diminuiti drasticamente sono ancora molti gli utenti (specialmente band musicali) che usano la piattaforma per sponsorizzare le loro attività, chissà un restyling potrebbe far risorgere e sorti di MySpace. Attualmente sono 35 milioni gli utenti che usano MySpace e la Specif Media sarebbe interessata all’acquisto per far si che i fruitori del social media diventino la base della sua rete pubblicitaria. Per Murdoch d’altro canto sarebbe una liberazione visti i conti in perdita che la piattaforma sta registrando. A rimetterci saranno sicuramente molti dei dipendenti che ora lavorano per MySpace, circa la metà di loro sarà licenziata a quanto pare.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook