Estate 2018, vacanze all’insegna dell’Italia e del turismo enogastronomico

Estate 2018, vacanze all’insegna dell’Italia e del turismo enogastronomico

Siamo nel pieno del periodo estivo e arrivano i primi dati relativi alle prenotazioni per quello che riguarda le vacanze nei territori del nostro paese. La prima buona notizia è che aumenta il numero di persone che ha deciso di trascorrere il proprio periodo feriale nel nostro paese, secondo il monitoraggio eseguito dall’Enit, per il 74% dei tour operator le prenotazioni risultano in crescita.

Quello che va sottolineato di questi dati è che la quasi totalità degli operatori del settore rileva un aumento del turismo enogastronomico, che vede coinvolte tutte le principali regioni italiane, ma le principali indicate sono Toscana, con la zona del Chianti e Firenze, Piemonte con le Langhe e Baveno, Emilia Romagna, Sicilia, Veneto, Puglia e Umbria. Di conseguenza stanno riscontrando un ottimo successo strutture come i Bed & Breakfast e gli agriturismo, che permettono un contatto diretto con la natura, gli animali e con luoghi tipici che permettono anche attività in forte crescita come il cicloturismo. Proprio per questo tali strutture hanno visto un’esponenziale crescita nel numero di aperture, con giovani imprenditori che si avvicinano a questo settore grazie anche all’aiuto di servizi di consulenza e assistenza come Contributi PMI, un riferimento per coloro che vogliono scoprire come aprire un B&B ed entrare nel mondo del turismo enogastronomico.

Dal monitoraggio Enit, l’estate 2018 farà segnare un segno positivo per quello che riguarda l’arrivo di visitatori europei ed extra-europei nel nostro paese. Un dinamismo che viene registrato a livello globale ma che vede il nostro paese protagonista tra le principali mete scelte per il periodo estivo. Quest’aumento di stranieri in visita nel nostro paese non è imputabile solo ai paesi emergenti, ma anche agli arrivi da USA, Francia e Germania, che rimangono i principali bacini della nostra penisola. Entrando nel dettaglio si registra un +19,7% di prenotazioni dall’America, un +2,7% dalla Spagna, e un +3,9% dalla Cina. In generale il numero di turisti negli aeroporti italiani è in crescita dell’1%, dato che cresce a +4% durante il mese di agosto e +7% durante la settimana di ferragosto.

Per quello che riguarda le nuove tendenze dei viaggiatori, le formule di viaggio vanno a moltiplicarsi, con soluzioni sempre più in linea con le esigenze del singolo consumatore. Oltre al turismo di massa, oggi troviamo anche formule “slow” che identificano nell’italian way of life e nelle sostenibilità fattori importanti nella determinazione della location finale scelta.  Si va sempre più affermando il turismo enogastronomico, attraverso una valorizzazione del cibo che mette a disposizione uno sprazzo della cultura e dei profili culturali e dei vissuti dei nostri territori che vanno a ospitare i flussi turistici.

Lo sviluppo dell’industria turistica rappresenta una sfida per il nostro paese, per saper sfruttare al meglio quest’occasione da una parte occorre un impegno costante nell’aggiornamento delle linee strategiche che guidano l’approccio alla domanda turistica. Inoltre si rende necessario garantire uno sviluppo strutturale della domanda verso il turismo italiano, consolidando l’attività di promozione del nostro territorio e di tutte le sue bellissime caratteristiche e prerogative.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook