Windows 10 il futuro, oggi

Windows 10 il futuro, oggi

windows10Microsoft presenta al grande pubblico il tanto atteso sistema operativo di nuova generazione: Windows 9. In realtà si chiamerà Windows 10 proprio per sottolineare il distacco dall’attuale Windows 8. Il nuovo sistema operativo infatti introdurrà una nuova filosofia di fondo, che significherà non uno, ma ben due passi avanti rispetto al predecessore. L’Executive Vice President, Operating Systems Group di Microsoft, Terry Myerson, crede che Windows 10 sarà la loro miglior piattaforma di sempre, che riuscirà a far comunicare tutti i dispositivi Microsoft, dalla Xbox, passando per gli smartphone, per giungere al PC. Microsoft assicura una maggiore stabilità e sicurezza verso attacchi informatici, pishing e simili. Windows One: era questo il nome iniziale, proprio per enfatizzare la rivoluzione che vuole portare. Dopo il grande successo di Windows XP ed il quasi fallimentare Windows Vista, Windows 7 ed 8, nonostante le critiche, hanno rappresentato un trampolino di lancio per tornare al successo. Windows 10 sarà il sistema operativo definitivo che tutti aspettano? Non ci resta che attendere. Nel frattempo ecco cosa è stato possibile notare dalla prima Technical Preview:

Menu Start, di nuovo: Torna il menù start, tanto atteso in Windows 8, in una versione rivisitata, con la possibilità di aggiungere App ed altri collegamenti veloci.

App formato Desktop: Le applicazioni del Windows Store, in Windows 8, non avevano la possibilità di essere aperte in modalità Desktop, cioè nella classica finestra a cui siamo abituati. Ora invece sarà possibile.

Layout a quadrante: Un nuovo layout consente di aprire quattro app nella stessa schermata, con moltissime funzioni per poter lavorare più comodamente e velocemente.

Molteplici desktop: Lo troviamo già da qualche tempo sulle varie distribuzioni Linux. Ora Windows offre la possibilità di aprire più spazi di lavoro per non avere il desktop pieno di schermate ed applicazioni aperte.

Marco Piacentini
2 ottobre 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook