In arrivo SOOFA: la panchina fotovoltaica per ricaricare SMARTPHONE E TABLET

In arrivo SOOFA: la panchina fotovoltaica per ricaricare SMARTPHONE E TABLET

Boston ricaricare smartphone ed iPod fuori casa non sarà più un problema grazie all’ arrivo di Soofa, una panchina ad energia solare in grado di ricaricare gratuitamente batteria per i dispositivi mobili e in grado inoltre di monitorare l’ambiente circostante, basterà ricordare di portare con sé il proprio cavo USB.

Il progetto è stato presentato a metà giugno durante la White House Maker Faire, l’evento alla Casa Bianca dedicato alla celebrazione della “rinascita del settore manifatturiero americano” attraverso nuove tecnologie e strumenti all’avanguardia utilizzate da studenti ed imprenditori statunitensi.

Ecco come il sindaco di Boston, Martin j. Walsh, presenta il progetto:

“i cellulari di oggi non si limitano a fare telefonate, perché allora le nostre panchine dovrebbero essere solo posti a sedere?”

Soofa viene infatti definito come un arredo urbano intelligente, dotato di un pannello solare visibile, che permette di collegare due smartphone, ma non solo, Soofa è anche in grado di registrare e archiviare dati relativi all’inquinamento atmosferico e a quello acustico, con particolare riferimento alla temperatura e alla qualità dell’aria.

Ma da dove nasce questa idea?

L’idea di unire dei caricatori per cellulari fotovoltaici ad una panchina è nata da Changing Environments, società spin-off del MIT.

Sandra Richter, una delle tre inventrici di Soofa ha spiegato che il loro intento è quello di rendere le città aggiornate alla nostra generazione, e soprattutto di offrire una continua interconnessione, garantendo un servizio utile e fondamentale.

Le panchine possono essere inoltre facilmente raggiungibili, attraverso un sistema di geolocalizzazione,  poiché saranno posizionate in zone strategiche, principalmente in zone verdi, tra cui il Titus Sparrow Park, il Boston Common ed il Rose Kennedy Greenway in cui sono state già installate 12 panchine.

Il progetto Soofa è interamente finanziato da Cisco e non avrà alcun costo per la città di Boston.

Questo progetto è un importante passo verso la tecnologia, che permetterà a Boston di diventare una smart city in grado di migliorare la qualità della vita dei cittadini, unita a una maggiore attenzione verso l’ambiente.

di Serena Panacchia

8 luglio 2014

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook