Icardi spreca e il Milan si salva

Icardi spreca e il Milan si salva

Finisce senza reti il derby. Sorride Spaletti. La sua squadra poteva vincere. Icardi ha fallito due palle gol. Poco importa. I nerazzurri sono in quarta posizione. Per il Milan, invece, i sogni Champions sembrano svaniti.

INTER ALL’ASSALTO Grande pubblico al “Meazza” in un orario infrasettimanale inedito per una sfida che ha il sapor d’Europa. Inizia a spron battuto l’Inter che costringe i rossoneri sulla difensiva. Rafinha, Brozovic e Cancelo provano a far male a Donnarumma, che non sembra in grande serata. Il Milan è pericoloso con Bonucci che, a pochi passi dalla porta colpisce di testa. Stupenda è la deviazione di Handanovic. Perisic poco dopo tenta, da possibile centrale, il tiro che non fa male al portiere rossonero. Al 37′ l’Inter gonfia la rete con Icardi, ma il gol, su consultazione del Var, viene poi annullato per fuorigioco millimetrico dell’attaccante nerazzurro.

ICARDI SCIUPONE Nella ripresa è sempre l’Inter in auge. Perisic con un tiro cross colpisce la traversa.  Il Milan risponde con un tiro di Cutrone, deviato da Handanovic. Al 65′ sempre Icardi va vicino al gol, Donnarumma ci mette una pezza. La gara non concede pause. L’Inter sembra avere più birra in corpo. Clamoroso il finale quando Icardi da pochi passi in scivolata non riesce a spingere in rete il pallone della vittoria nerazzurra.

 

Miranda Sempre attento, chiude ogni varco  Brozovic  Attivo. llumina il centrocampo con le sue giocate 

Bonaventura  Sbaglia molto nell’impostazione e nei passaggi

 

Milan – Inter  0 – 0

Milan: Donnarumma, Calabria, Bonucci, Romagnoli, Rodriguez, Kessie, Montolivo,(69′ Locatelli), Bonaventura,(81’Borini), Suso, Cutrone,(69′ Kalinic) All: Gattuso

Inter: Handanovic, Cancelo, Skriniar, Miranda, D’Ambrosio, Brozovic, Gagliardini, Candreva, (77′ Eder), Rafinha, (71′ Borja Valero), Perisic, Icardi. All: Spalletti

Arbitro: Di Bello

Note: spettatori 77.512 Ammoniti Cancelo, Perisic, Skriniar, Candreva, Suso,

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook