Sampdoria – Roma pari al primo round

Sampdoria – Roma pari al primo round

Partita bella, anche se disordinata e sporca quella giocata stasera a Marassi tra due compagini che si sono affrontate senza esclusione di colpi. Il leit motiv della squadra giallorossa, nonostante si sia vista una Roma motivata e volitiva, è sempre quello che la fa da padrone nell’ultimo mese e mezzo: il dramma sportivo di non riuscire a concretizzare le occasioni da gol.

Ci mette lo zampino poi l’arbitro Orsato che non concede una punizione solare per fallo di ostruzione di Ferrari su Strootman, nonostante il guardalinee, meglio appostato di lui, abbia sventolato subito la bandierina. Sugli sviluppi dell’azione seguente arriva il rigore, solare, di Kolarov, per un intervento scomposto su cross di Ramirez.Il resto è una inutile rincorsa al pareggio che arriva, nonostante le molteplici occasioni, solo nel recupero.

Mistero Orsato – Si vede subito una Roma frizzante e motivata, segno che il suo allenatore ha lavorato bene in settimana. L’occasione che capita dopo appena un minuto dall’inizio è sui piedi di Dzeko. Un bel cross di Under, in grande spolvero fino alla fine del primo tempo, che Dzeko,a due passi dalla porta impatta di piatto malamente alzando la palla sopra la traversa.

E’ nervoso il bosniaco, infatti al quarto d’ora di gioco si becca un giallo per un intervento ruvido su un avversario. Le notizie sul suo trasferimento al Chelsea aleggiano sulla testa del numero 9 che è evidentemente disturbato e forse scontento di questa trattativa.

La Roma giostra sulle corsie laterali con Florenzi e Kolarov molto attivi. Tante le occasioni per i giallorossi prima con Nainggolan, che chiama il pressing e ruba palla a centrocampo, ma il tiro di Dzeko impatta su Ferrari, poi è Defrel, sul bel cross di Florenzi che però guadagna solo l’angolo.

Al 14’ primo squillo dei padroni di casa. Zapata manda a vuoto Manolas, che cade troppo presto in scivolata ma Fazio impatta il tiro a botta sicura di Torreira. Dopo quattro minuti splendido assist di tacco di Quagliarella che elude la linea difensiva romanista. Ramirez tenta la finta ma Manolas non abbocca e neutralizza un’azione pericolosa. Al 20’ occasione partita sui piedi di Under, passando per Dzeko che regala una palla d’oro per Pellegrini che calcia forte ma centrale tra le braccia di Viviano. Al 25’ miracolo di Viviano che si supera sul tiro di Nainggolan di piatto sul primo palo dopo un’azione splendida della Roma.

Pungente e pericolosa la Roma arriva dalle parti di Viviano e lo fa in maniera corale accompagnata e sostenuta dagli uomini di centrocampo. E’ un progresso a livello fisico di brillantezza, di freschezza muscolare e di intensità.

Al 39’ schema su punizione a pochi metri dal vertice sinistro dell’area di rigore della Samp. Kolarov finta il tiro, invece calcia Pellegrini un cross pennellato per la testa di Manolas che viene anticipato di un soffio da Zapata. Dopo tre minuti un assist di Dzeko mette Defrel solo davanti alla porta. Il francese dribbla Bereszynski ma scivola al momento del tiro.

Al 43’ Strootman ruba palla e scende sulla fascia destra lottando con Ferrari che si ferma e fa blocco sull’olandese. Paganessi, a due passi dall’azione, sbandiera il fallo che Orsato, fischietto in bocca, pensa di sanzionare. Poi ci ripensa e allarga le braccia. Sarebbe un episodio banale se non fosse che sul contropiede seguente Kolarov, con un intervento scomposto, prenda platealmente il cross di Ramirez con il braccio. Orsato, che non vede, viene richiamato dal VAR e, viste le immagini, decreta allo scadere il giusto rigore per la Samp che Quagliarella trasforma.

Baby Antonucci – La Roma rientra intontita e scossa dallo svantaggio subito nel recupero del primo tempo, infatti la prima occasione della ripresa è della Samp ma Zapata, solo al centro dell’area, manda alto sulla traversa. E’ evidente la frenesia della Roma di cogliere il pareggio: non ragiona quando arriva nell’area di rigore avversaria; sprecano stupidamente nell’ordine Pellegrini e Nainggolan. Al 52’ Alisson compie una parata eccezionale su punizione di Caprari, subentrato a Quagliarella, e leva la palla dal sette negando il raddoppio. La prima vera occasione per la Roma arriva al 20’ quando Pellegrini sfiora il palo con un tiro potente deviato, non visto, da Bereszynski. Entra Schick al posto di Defrel e si vede. Azione perfetta dell’ex sampdoriano che dribbla la difesa e lancia Under, defilato sulla sinistra, che mette in area una palla perfetta per il tap-in di Dzeko ma l’arbitro annulla per fuorigioco millimetrico del turco. Dopo due minuti sempre Schick manda in area un bel cross che però attraversa tutta la difesa senza che nessun compagno riesca a toccarlo.

La Roma attacca ma cincischia troppo in area e nessuno trova il coraggio di tirare in porta.

Al 73’, al posto di uno svagato Under, fa il suo esordio in serie A Mirko Antonucci, classe ’99, che si mette subito in mostra. Dopo un minuto gran cross di Pellegrini indirizzato sul secondo palo, Antonucci è meglio appostato ma Dzeko prova ad impattare la palla in elevazione disturbando Antonucci per il facile tap-in vincente. Cambio repentino di fronte ed è Caprari a divorarsi il raddoppio sugli sviluppi di un corner. La Samp è pericolosa in contropiede con Manolas che si perde Zapata che però sbaglia tutto con un cross che attraversa tutta l’area per finire in fallo laterale. Le squadre si allungano troppo dando vita così ad una serie di occasioni, tutte sprecate da ambo le parti. Al 37 è perfetta la sponda di Schick per Nainggolan che crolla in area senza tentare né il tiro né il passaggio per Dzeko, comodo al centro dell’area. Al 41’ Alisson compie un altro miracolo su tiro di Torreira. La Roma vuole il pareggio a tutti i costi ed Antonucci ci prova prima con un cross perfetto al centro dell’area per Florenzi il cui tiro, deviato da Schick esce di poco, poi riesce a trovare, sempre con un cross dalla sinistra, la testa di Dzeko che finalmente trova la porta ed il pareggio. La Samp prova a sfruttare la velocità e la brillantezza di Ramirez e Caprari per il raddoppio ma senza successo e la partita finisce in pareggio.

La Roma ha avuto sui piedi una quindicina di occasioni mai sfruttate dai giallorossi, continua a mancare la freddezza e la tranquillità mentale sotto porta. Buona partita di Schick ed ottima prova dell’esordiente Antonucci. Secondo round domenica sera a Roma.

Antonucci: sognava di esordire a Marassi il diciottenne e lo ha fatto nella maniera migliore. Ha spaccato la partita ed ha dato vigore ad una squadra che aspettava proprio questo. Potrebbe anche segnare appena entrato se Dzeko non ci mettesse la gamba, ma allo scadere pennella il cross per il pareggio. Da blindare.

Pellegrini: il ragazzo nelle ultime partite non regala più prestazioni come quelle di inizio campionato. Questa sera in particolare sbaglia tutti i passaggi e perde tutte le palle sia nei contrasti che per errori banali. Probabilmente è tutto il centrocampo che non gira. Lo aspettiamo.

 Tabellino

 SAMPDORIA – ROMA 1-1

 Sampdoria: Viviano, Strinic (74’ Murru), Ferrari, Silvestre, Bereszynski, Praet (80’ Barreto), Torreira, Linetty, Ramirez, Zapata, Quagliarella (51’ Caprari). All.: Giampaolo

 Roma: Alisson, Florenzi, Manolas, Fazio, Kolarov, Pellegrini (81’ Gerson), Strootman, Nainggolan, Defrel (63’ Schick), Under (73’ Antonucci), Dzeko. All.: Di Francesco

 Marcatori: 45+2’ Quagliarella (S), 90+1’   Dzeko (R)

Ammoniti: Linetty (S), Dzeko, Strootman, Florenzi (R)

Arbitro: Orsato di Schio

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook