Beffa Juve: si fa rimontare dall’Atalanta e perde così due punti in ottica scudetto

Beffa Juve: si fa rimontare dall’Atalanta e perde così due punti in ottica scudetto

Inizia e, finirà, con molte sorprese Atalanta-Juve. Da Bernardeschi titolare a Douglas Costa e Cuadrado in panca, da Cornelius sostituito dopo i primi trenta minuti fino al 2-2 finale che fa infuriare, e non poco, Allegri. In mezzo a tutto ciò, un goal annullato dal VAR, sponda bianconera, per un fallo a centrocampo di Lichsteiner e un rigore sbagliato da Dybala che rimane così a quota dieci in campionato. Tanto di cappello a Gomez e compagni, per aver rimesso in piedi una partita, che al primo tempo sembrava finita.

DOPPIO COLPO JUVE- Ad aprire le danze è proprio lui, alla prima da titolare, Federico Bernardeschi, con un goal quasi da attaccante puro. Attaccante puro, quale è Higuain, che mette in cassaforte il 2-0 durato però, pochi minuti, visto il gaol sul finale di Mattia Caldara. In fondo sono tutti gol di marca juventina, visto che il difensore bergamasco è di proprietà bianconera. Il primo tentativo d’assalto è un sinistro debolissimo di Higuain su sponda di testa di Mandzukic. Sei minuti dopo (21′) sale in cattedra il talento ex fiorentina, che trova la prima rete con la 33 della Signora: tiro di Matuidi e sulla pessima ribattuta di Berisha s’avventa Bernardeschi che la mette dentro. Non esente da colpe, in questo caso, e anche sul goal che porterà sul 2-0, Leonardo Spinazzola, proprio lui che in estate voleva tanto la Juve. Infatti, c’è proprio lui in marcatura anche su Higuain, che al 24′ raddoppia su assist di Bernardeschi. L’Atalanta è ferita ma non s’arrende e alla mezzora riapre la partita con Caldara, che sfrutta una respinta maldestra di Buffon su punizione del Papu Gomez. Gasperini ci crede, toglie Cornelius per Ilicic e prima dell’intervallo ha l’occasione del pari con Kurtic.

VAR, RIGORE E PARI- La ripresa non delude le aspettative. Dopo un tiro (alto) di Higuain ci sarebbe il 3-1 di Mandzukic (12′): colpo di testa su cross pennellato di Dybala. La gioia bianconera dura pochissimo, giusto il tempo dell’intervento della Var, perché rivedendo le immagini l’arbitro annulla per una gomitata di Lichtsteiner (punita col giallo) su Gomez all’inizio dell’azione. Gol annullato gol subito: al 22′ l’Atalanta pareggia con un colpo di testa di Cristante, servito magnificamente dal Papu. Allegri chiude con Douglas Costa e Cuadrado in campo (al posto di Bernardeschi e Mandzukic) e vede il settimo sigillo quando l’arbitro, anche qui dopo intervento della Var, assegna il rigore ai bianconeri per fallo di mano di Petagna (per gli atalantini era spalla), dopo punizione di Dybala. Batte la Joya, che però stavolta si fa ipnotizzare: penalty parato e vittoria sfumata. C’è ancora il tempo per un fallo in area di Caldara su Higuain, ma stavolta la Var resta silente.

Gli uomini di Allegri perdono così la vetta della classifica, conquistata dal Napoli dopo il netto 3-0 al Cagliari. Ora c’è la pausa delle nazionali che permetterà al tecnico toscano di recuperare giocatori importanti come Pjanic e Howedes. Per quanto riguarda l’Atalanta, invece, si può dire che dirà la sua anche quest’anno: con un Papu così!

Meritano 2duerighe

Papu Gomez: la sfida tra numeri 10 questa sera la vince lui. Dribbling, fantasia e tanta, tanta qualità. L’1-2 nasce da una sua punizione e il 2-2 di Cristante parte proprio da un suo assist. Grande Papu!

Buffon: var o non var, la partita la riapre lui. Errori come questi da lui non te li aspetti. Sembra assolutamente fuori forma. Vedremo se sarà tornare sui suoi livelli.

Tabellino

ATALANTA (3-4-3): Berisha; Masiello Caldara Palomino; Hateboer, Cristante (43′ st De Roon), Freuler, Spinazzola; Kurtic (11′ st Petagna), Cornelius (32′ pt Ilicic), Gomez. A disposizione: Gollini, Rossi, Bastoni, Hass, Castagne, Mancini, Orsolini, Gosens, Vido. Allenatore: Gasperini

 

JUVENTUS (4-2-3-1): Buffon; Lichtsteiner (21′ st Barzagli), Chiellini, Benatia, Asamoah; Bentancur, Matuidi; Bernardeschi (24′ st Cuadrado), Dybala, Mandzukic (33′ st Douglas Costa); Higuain. A disposizione: Szczesny, Pinsoglio, Caligara, Rugani, Sturaro, Alex Sandro. Allenatore: Allegri.

MARCATORI: 21′ pt Bernardeschi (J), 24′ pt Higuain (J), 31′ pt Caldara (A), 22′ st Cristante (A).

AMMONITI: Lichtsteiner (J), Gomez (A), Palomino (A), Petagna (A).

ARBITRO: Damato di Barletta.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook