Roma stanca, il Napoli resuscita: 1-2 All’Olimpico

Roma stanca, il Napoli resuscita: 1-2 All’Olimpico

Per Roma e Napoli il riscatto per le sconfitte subite in Coppa Italia passa per lo scontro diretto all’Olimpico, che rappresenta uno degli ultimi appelli per la rincorsa rispettivamente al campionato e ad un posto in Champions League. Per la Roma, la partita contro il Napoli completa una settimana di fuoco, mentre per gli azzurri il match di campionato arriva dopo due sconfitte consecutive, contro l’Atalanta al San Paolo e la Juventus in Coppa Italia. Una partita da dentro o fuori, quindi, tra due squadre vogliose di riscatto.

Tra la confusione sbuca Mertens- Primo tempo piuttosto confusionario, complice sicuramente l’estrema aggressività a metà campo da parte di entrambe le squadre. Centrocampo della Roma che ritrova De Rossi, affiancato da Strootman in mediana, con Nainggolan ad agire dietro Dzeko. Sorpresa anche nel Napoli: Sarri sceglie Jorginho e Rogg al posto di Zielinski e Diawara. Dopo un inizio favorevole alla Roma è il Napoli a trovare la rete del vantaggio grazie ad un’incursione di Mertens, che trova mal posizionata la difesa giallorossa e supera Szczesny con un tocco sotto. La Roma accusa il colpo, continuando a far fatica a gestire il pallone nella metà campo avversaria; il Napoli, infatti, concentra gran parte della pressione nella parte centrale del rettangolo verde, lasciando spesso l’uno contro uno ai terzini. La reazione della squadra di casa è tutta in un sinistro di Strootman, col pallone calciato alto da buonissima posizione. Primo tempo che termina quindi sullo 0-1 in favore del Napoli.

Bis Mertens e la Roma soccombe- Il secondo tempo inizia così come era finito il primo: Napoli più vivo, al saldo comando di tutto il centrocampo, punto nevralgico per il gioco delle due squadre. Dopo appena cinque minuti è ancora Mertens a capitalizzare al massimo un errore in fase d’impostazione di Federico Fazio. 0-2 e partita in discesa per il Napoli, che prova a chiuderla in più di un’occasione. Troppo sbilanciata la Roma, sin dalle prime battute: nonostante il reinserimento di De Rossi e il cambio di modulo a partita in corso, la squadra di Spalletti ha lasciato troppo spazio, in modo sistematico, tra difesa e centrocampo. Gli incontri ravvicinati e i pochi ricambi a disposizione del Mister stanno probabilmente pesando sul rendimento dei giallorossi. Squadra di casa che, comunque, prova a rimettersi in corsa fino all’ultimo minuto: prima il palo di Salah e poi una conclusione di Perotti anticipano la rete di Strootman, che riapre la partita al minuto 43. Successivamente solo la sfortuna ha impedito alla Roma di pareggiare una partita giocata male; un destro di Perotti deviato finisce sulla traversa, sul palo e poi su Reina.

Per la Roma è il momento di rialzarsi immediatamente, giovedì si vola a Lione e l’Europa League è un traguardo fondamentale. Il Napoli, invece, si presenta alla imminente sfida contro il Real Madrid nel migliore dei modi. Ma a sorridere, ancora una volta, è la Juventus, che domani potrà definitivamente far calare il sipario sul campionato.

Meritano 2duerighe

Mertens: stato di grazia per il folletto belga, al quale riesce praticamente tutto.

Dzeko: impercettibile, la sua peggior partita stagionale.

ROMA – NAPOLI 1-2

MARCATORI Mertens 26’ pt, 5’ st; Strootman 43’ st

Roma (4-2-3-1): Szczesny, Rudiger, Manolas, Fazio, Juan Jesus, De Rossi, Nainggolan, Strootman, Perotti, Dzeko, El Sharaawy ALL. Spalletti

Napoli (4-3-3): Reina, Hysaj, Albiol, Koulibaly, Ghoulam, Rog, Jorginho, Hamsik, Callejon, Insigne, Mertens ALL. Sarri

Arbitro: Banti

Note: Ammoniti: Manolas, De Rossi, Rogg, Ghoulam

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook