La Roma vince anche a Udine: 0-1 alla Dacia Arena

La Roma vince anche a Udine: 0-1 alla Dacia Arena

Trasferta insidiosa per la Roma questa di Udine anche se è dal 2013 che i giallorossi vincono su questo campo. I tre punti non sono solo importanti per rimanere in scia della capolista ma anche per confermare la compattezza e la solidità che sembra aver trovato la squadra giallorossa.

 Ninja gol – Alla Roma bastano poco meno di due minuti per impensierire l’Udinese. Strootman pesca Dzeko solo soletto in area, peccato che il numero nove opti per un pallonetto da distanza ravvicinata che finisce alto sulla traversa. Sempre l’olandese per Nainggolan in area che difende palla e tocca per El Shaarawy che cerca l’angolo alla sinistra di Karnezis. L’estremo difensore greco manda in angolo. Al 12’ arriva il meritato vantaggio giallorosso. Preciso lancio verticale di Strootman per il Ninja che di volée insacca la palla nella rete avversaria. Al 17’ la Roma potrebbe raddoppiare. El Shaarawy crossa dal limite dell’area ma Faraoni intercetta di mano il pallone e Damato fischia la massima punizione. Va Dzeko sul dischetto di rigore e tira, quasi da fermo, mandando altissimo sulla traversa.

La Roma accusa il colpo e l’Udinese, squadra rassegnata fino a quel momento, si scuote ed al 22’ ci vuole un doppio miracolo di Szczesny a salvare la porta giallorossa. Dagli sviluppi di un calcio di punizione a favore dei bianconeri è Felipe ad impensierire il numero uno romanista e sulla ribattuta, complice Manolas, è De Paul con il destro a farsi deviare il tiro a botta sicura. Dopo quattro minuti di nuovo De Paul con un tiro da lontano, ma potente ed insidioso, impegna Szczesny che sfiora la palla mandandola sopra la traversa. La Roma, complice il rigore sbagliato, sbanda e perde l’inerzia della partita. Verso la fine del primo tempo è ancora l’Udinese a farsi pericolosa prima con Thereau che impatta la palla dal fondo su un bel cross di De Paul e poi con Zapata che manca la palla di un soffio ad un passo da Szczesny.

Alla fine del primo tempo però il risultato non è bugiardo. La Roma merita il vantaggio .

Sofferenza Roma – L’Udinese parte con grande velocità e molto aggressiva ma la Roma è reattiva ed alza subito il baricentro per non farsi schiacciare dall’avversaria. Al 63’ entra, al posto di un evanescente El Shaarawy, Francesco Totti che per il venticinquesimo anno solare consecutivo indossa la maglietta giallorossa. E si vede subito che è in campo un vero campione: dal limite dell’area avversaria il numero 10 scodella un cross morbido e preciso per Nainggolan che, di destro, manca la palla di un soffio. La classe non è acqua. L’Udinese tenta di gestire la palla ma lo fa con lentezza e con grande difficoltà contro una squadra organizzata come la Roma ed i giallorossi sono bravi a ribaltare l’azione. All’80’ è di nuovo Totti a regalare un cross a Dzeko che si divora il raddoppio. All’85’ è Strootman a cercare Dzeko con un assist delizioso ma il bosniaco spreca anche questa occasione. L’unico brivido per i giallorossi arriva all’87’ quando i padroni di casa tentano il tiro con un ottimo De Paul ma Szczesny c’è. La partita finisce con un po’ di sofferenza nel finale, una sofferenza che è diventata ormai il marchio di fabbrica di questa Roma. Non approfittare delle molteplici occasioni da gol mancate nell’arco della partita è l’unico difetto che Spalletti deve correggere.

 Meritano 2duerighe:

 Strootman: altra partita eccezionale dopo quella di Genova. Assist man perfetto lancia più volte Dzeko verso la porta. Fosse stato per le sue giocate la partita sarebbe finita con un risultato più largo. Delizioso.

 Dzeko: soffre il rigore sbagliato e ridiventa il molle centravanti dello scorso anno. La fiducia in se stesso non è la sua caratteristica migliore. Al rientro a Trigoria lo aspetta un motivatore.

TABELLINO

UDINESE – ROMA 0-1

 Udinese (4-3-3): Karnezis, Samir, Felipe, Danilo, Faraoni, Jankto (52’ Perica), Kums (73’ Ewandro), Fofana, Thereau, Zapata (69’ Halfredsson), De Paul. All.: Delneri

 Roma (3-4-2-1): Szczesny, Manolas, Fazio, Jesus, Peres, Paredes, Strootmna, Emerson, Nainggolan, El Shaarawy (63’Totti), Dzeko. All.: Spalletti

Marcatori: 12’ Nainggolan (R)

Ammoniti: Felipe, Fofana (U), Jesus (R)

Arbitro: Damato di Barletta

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook