La Roma supera per 3-1 il Chievo

La Roma supera per 3-1 il Chievo

Dopo la sconfitta contro la Juventus i giallorossi ripartono con una vittoria contro l’ostico Chievo di Maran. La squadra di Spalletti reagisce dopo l’iniziale vantaggio veronese pareggiando nel finale di primo tempo con una punizione di El Shaarawy. Nella ripresa prima Dzeko e poi Perotti su calcio di rigore chiudono il match.

De Guzman gela la Roma Spalletti si affida per la retroguardia alla difesa a 3, contando sul ritorno di Vermaelen dal primo minuto. Centrocampo blindato con la coppia Nainggolan-Strotman, ad assisterli sulle ali Emerson Palmieri a sinistra e Bruno Peres a destra. Sarà in particolare la corsia dell’ex Palermo, in coppia con El Shaarawy, a creare i maggiori grattacapi alla retroguardia veronese. La Roma inizia la gara controllando il match ma è il Chievo a rendersi pericoloso grazie ad una ripartenza di Birsa che supera in dribbling Vermaelen e serve al centro un pallone insidioso su cui si avventa De Guzman, ma l’ex Napoli da ottima posizione non trova la porta. L’olandese si fa però perdonare dieci minuti più tardi: Izco fugge sulla destra e taglia con un cross l’area di rigore giallorossa, De Guzman sbuca alle spalle di un disattento Bruno Peres e in tuffo insacca in rete. Il Chievo è a sorpresa in vantaggio.  Il Gol annebbia le idee della squadra di Spalletti che appare non riuscire a trovare il bandolo della matassa scaligera. Sul finire del primo tempo è El Shaarawy a trovare la giocata giusta a sbloccare l’inerzia della gara della Roma: il faraone conquista una punizione dal limite costringendo al fallo Dainelli e da calcio piazzato disegna una parabola imprendibile per Sorrentino acciuffando il pareggio,

Dzeko e Perotti valgono i tre punti-  Dieci minuti dal via è ancora il faraone della Roma il più intraprendente dei suoi innescando sulla sinistra l’azione che porta al gol del vantaggio giallorosso firmato da Edin Dzeko, che approfittando di una carambola in area dopo l’azione del compagno di squadra ribadisce il pallone in rete. Il raddoppio del bosniaco sembra sciogliere le preoccupazioni della squadra di Spalletti, cha appare più dinamica e decisa a trovare il terzo gol. Sarà nuovamente l’attaccante ex Manchester City a sfiorare ripetutamente la via della rete del K.O, ma la punta giallorossa sarà poco lucida nel trovare il varco giusto per trafiggere ancora Sorrentino. Allo scadere del tempo regolamentare arriva infine il sigillo finale alla partita: Perotti, subentrato a Salah, viene atterrato in area da Costa e dagli undici metri l’argentino non sbaglia, regalando così definitivamente i tre punti alla Roma.

Meritano 2duerighe

El Shaarawy: sono gli strappi del faraone a fare la differenza in un match che era divenuto complicato per la squadra di Spalletti. Decisivo.

Bruno Peres: svagato sul gol del Chievo, commette troppi errori anche in fase di impostazione risultando sterile nelle sue proiezioni offensive. Da rivedere.

Tabellino

Roma (3-4-3): Szczesny; Rudiger, Fazio, Vermaelen; Peres, Nainggolan, Strootman, Emerson; Salah (37′ st Perotti), El Shaarawy; Dzeko (45′ st Iturbe). A disp.: Alisson, Crisanto, Pellegrini, Juan Jesus, Gerson, Mario Rui, Spinozzi, Seck, Totti. All.: Spalletti

Chievo (4-3-1-2): Sorrentino; Izco (40′ Costa), Dainelli, Gamberini, Frey; De Guzman, Radovanovic, Rigoni; Birsa (14′ st Bastien); Meggiorini, Inglese (30′ st Pellissier). A disp.: Bressan, Confente, Spolli, Depaoli, Kiyine, Floro Flores, Parigini. All.: Maran

Arbitro: Calvarese

Marcatori: 36′ De Guzman (C), 46′ El Shaarawy (R), 7′ st Dzeko (R), 48′ st rig. Perotti (R)

Ammoniti: Dainelli, Rigoni (C)

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook