Messi punge il Milan! Il Barcellona conquista i quarti di Champions

Il sogno non si è concretizzato e il Milan esce mestamente dalla Champions. E’ vero che di fronte aveva il Barcellona, una delle squadre o forse l’unica migliore al mondo, ma il vantaggio di 2 a 0 dell’andata, forse poteva essere gestito meglio, ben sapendo della pericolosità di alcuni giocatori blaugrana, primo fra tutti Lionel Messi. La “pulce” con i suoi due gol realizzati nel primo tempo è stato determinante non solo come bomber, ma anche come trascinatore per i compagni.  “Azzerata” la sconfitta di S. Siro, nel primo tempo, il Barca ha sembra continuato a tenere palla nella meta campo avversaria anche nella ripresa impostando una gara sempre su ritmi alti e pressing, dando poche possibilità ai rossoneri di giungere nella loro area. Tutto comunque sarebbe cambiato per i rossoneri se un pallone calciato da Niang a portiere battuto,  invece di colpire il palo al 34′ si fosse insaccato nella porta avversaria. Sarebbe stata una rete importante per il Milan, invece, due minuti dopo è arrivata il secondo gol blaugrana: quello della “remontada.” 

 

Nella ripresa è sempre il Barca a comandare, anche se il suo ritmo è meno asfissiante rispetto a quello del primo tempo. Il vantaggio catalano arriva  all 55′. A realizzare è David Villa che mette dentro con un tiro angolato. Il Milan prova la reazione con El Shaarawy senza esito. Al 92′ però ci pensa Jordi Alba a sancire la vittoria per gli spagnoli, realizzando il gol del quattro a zero finale.

 

Barcellona – Milan  4 – 0

Marcatori:  5 e 39′ Messi, 55’Villa, 92′ Alba

 

Barcellona:  Valdes, Alves, Mascherano,  ( 77′ Puyol), Piqué, Alba, Xavi, Busquets, Iniesta, Villa, ( 75′ Sanchez),  Messi, Pedro, ( 84’Adriano), All:  Roura

Milan: Abbiati, Abate, Zapata, Mexes, Constant, Flamini ( 75′ Bojan), Ambrosini, ( 61′ Muntari),  Montolivo,  Boateng, Niang,( 61′ Robinho),  El Shaarawy, All: Allegri

Arbitro:  Kassai (Ungheria)

Ammoniti:  Boateng, Flamini, Mexes e  Pedro per scottezze.

 

a cura della redazione sportiva

13 marzo 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook