La Roma tira fuori i denti: Inter battuta 2-1

La Roma tira fuori i denti: Inter battuta 2-1

Il rilancio per Roma e Inter passa attraverso lo scontro diretto della settima giornata del campionato di Serie A. I giallorossi, dopo la facile vittoria in Europa League contro l’Astra Giurgiu, tornano all’Olimpico alla ricerca di un equilibrio che manca da inizio stagione. Troppe le disattenzioni in difesa, tanti gli errori nella circolazione palla e nel recupero dei palloni in mezzo al campo. Il Mister Luciano Spalletti, dopo la strigliata del post Torino – Roma, ha visto sensibili miglioramenti in Coppa, pur mantenendo presente il livello dell’avversario affrontato. Dall’altra parte l’Inter di De Boer deve urgentemente ripartire dopo il brutto stop subito nella trasferta europea di Praga, contro lo Sparta. L’allenatore olandese punta ancora tutto su Mauro Icardi, uno dei pochi top player a disposizione in rosa.

Quante occasioni!- Primo tempo che diverte, con le due squadre ad affrontarsi a viso aperto. Preoccupante però, allo stesso tempo, la fase difensiva di entrambe le formazioni. Praterie per la Roma e tanto spazio tra le maglie difensive per l’Inter. Il numero delle chance sorride alla Roma, capace di mettere almeno quattro volte un proprio calciatore di fronte ad Handanovic. Sbaglia tanto, troppo la squadra di Spalletti, capace di sbloccare il risultato dopo appena cinque minuti e alla prima occasione utile: il cross basso di Bruno Peres trova il tap in di Dzeko sul filo del fuorigioco. Uno a zero per la Roma e Inter che reagisce con forza, colpendo il palo in seguito al missile lanciato dal destro di Banega. La squadra ospite, dopo esser passata in svantaggio, alza sensibilmente il baricentro, lasciando di conseguenza delle autostrade per le corse di Salah, dominante contro Murillo e Santon ma ipnotizzato da un ottimo Handanovic. Rimane comunque complicato riassumere le numerose opportunità da rete capitate per entrambe le squadre, accadute tutte sugli sviluppi di un gioco veloce e frizzante. Dall’altro lato le difese ballerine preoccupano i due allenatori, in particolar modo per quanto riguarda i centrali.

Senza sosta- Secondo tempo che parte veloce come è finito il primo, con le linee mediane continuamente superate in velocità e le difese in frequente affanno. Continua a produrre occasioni da rete in sequenza la formazione di casa, mentre l’Inter appena può schiaccia il piede sull’acceleratore per cogliere impreparata la difesa romanista. Gli ospiti riescono a pareggiare con Banega, solo davanti a Szczesny dopo un triangolo con Icardi. La Roma reagisce immediatamente e trova il nuovo vantaggio quattro minuti dopo: la punizione calciata da Florenzi trova la testa di Manolas, la cui traiettoria viene deviata da Perisic in rete. Ci prova in tutti i modi l’Inter, ma la Roma resiste e porta a casa tre punti che la riavvicinano al Napoli.

Una partita bellissima, in cui la tattica per alcuni tratti è passata in secondo piano. La Roma tira fuori la miglior prestazione stagionale, con Dzeko e De Rossi sugli scudi a trascinare la testuggine giallorossa. Positiva anche la prova dell’Inter, ma il maggior numero di occasioni create ha infine premiato la squadra di Spalletti. Può sorridere l’allenatore toscano, che ha rivisto nei suoi la voglia di lottare su ogni pallone come nella seconda parte della scorsa stagione.

Meritano 2duerighe

Dzeko, De Rossi, Strootman: a pari merito sul gradino più alto del podio. La tris giallorossa tira fuori una prestazione super.

Icardi: aldilà del discreto assist per Banega in occasione del pareggio, francamente da lui ci si aspettava di più. Anche se davanti aveva un certo Manolas.

Roma – Inter 2-1

Marcatori: Dzeko 5’, Banega 72’, Manolas 76’

Roma (4-2-3-1): Szczesny, Peres, Manolas, Fazio, Jesus, Florenzi, De Rossi, Strootman, Salah, Perotti, Dzeko All. Spalletti

Inter (4-3-3): Handanovic, Ansaldi, Miranda, Murillo, Santon, Joao Mario, Medel, Banega, Candreva, Perisic, Icardi All. De Boer

Note: Ammoniti: Juan Jesus, Santon, Ansaldi

Arbitro: Banti di Livorno

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook