La Roma passeggia in Europa, 4-0 all’Astra Giurgiu

La Roma passeggia in Europa, 4-0 all’Astra Giurgiu

Test facile, troppo facile forse ma alla Roma servivano tre punti per conquistare il primo posto nel girone di Europa League e così è stato. I giallorossi scendono in campo con Alisson tra i pali, Juan fa respirare Florenzi e in attesa del rientro di Veramaelen ad affiancare Manolas c’è ancora Fazio, in regia Paredes mentre in attacco capitan Totti gioca da trequartista dietro Iturbe schierato prima punta.

A senso unico – I primi quarantacinque minuti all’Olimpico non regalano molte emozioni, i padroni di casa fanno molto possesso palla, provano l’affondo sulle fasce e l’Astra non è praticamente mai pericolosa esclusa un azione personale di Nicoara al 4’. La prima rete del match arriva al 14’ quando Totti, da calcio piazzato, scodella in area un buon pallone, Manolas non ci arriva di testa ma Strootman si fa trovare pronto e smarcato e di piatto insacca alle spalle di Lung. I ragazzi di mister Sumudica provano a contenere i danni e si affidano a sterili ripartenze, la Roma va sul concreto e allo scadere allunga le distanze; ancora Totti da calcio piazzato, stavolta la conclusione è di tutta potenza verso la porta ospite, Lung riesce a deviare sulla traversa ma sul pallone è Fazio ad avere la meglio su tutti e di testa la mette dentro per il due a zero Roma.

Iturbe? – La seconda frazione di gioco si apre con il terzo goal dei padroni di casa, Perotti si invola sull’out di destra, entra in aerea di rigore e con un cross teso la mette in mezzo, Fabricio prova a spazzare ma beffa Lung, autorete e schermo luminoso che si illumina ancora all’Olimpico. I minuti scorrono lenti, l’Astra è battuta e al 54’ Totti decide di mettere per la terza volta lo zampino sulle reti giallorosse, lancio perfetto per Salah che a tu per tu con Lung non sbaglia, tocco morbido sottomisura ed è poker. Il match è chiuso; la Roma ha vinto un incontro facile, la difesa non ha mai sofferto, Paredes mostra passi in avanti, Totti continua ad essere fondamentale con i suoi assist ma l’unica nota stonata della serata è Iturbe. L’argentino (ormai nazionale paraguaiana) viene schierato titolare contro un avversario di modesta caratura rispetto ai giallorossi ma il numero sette non riesce ad entrare in partita a dovere, la squadra gioca per lui negli ultimi venti minuti ma la rete non arriva, i tifosi presenti lo incitano a non mollare la presa ma saltare un difensore diventa un impresa mastodontica. Le doti tecniche ed il cuore ci sono, è una questione di sicurezza e testa, minutaggio e reti saranno la migliore cura per un ragazzo che ha tutti i mezzi brillare, Roma lo aspetta.

Meritano 2duerighe

Totti: non fa differenza l’avversario che ha davanti, giocate di prima e assist gli riescono contro tutti e da sempre.

Iturbe: non basta l’impegno, servono reti e spalle larghe per superare momenti difficili, provaci ancora Manuel!

Tabellino

ROMA – ASTRA GIURGIU 4-0

ROMA (4-2-3-1) Alisson, Peres (18’st Florenzi), Manolas, Fazio, Juan Jesus; Paredes, Strootman (23’st Gerson), Iturbe, Totti, Perotti; Salah (12’st Nainggolan). All.: Spalletti.

ASTRA GIURGIU (5-4-1) Lung; Lazic (16’st Niculae), Geraldo, Sapunaru, Fabricio, Morais, Nicoara (16’st Budescu), Mansaly (1’st Lovin), Seto, Teixeira; Alibec. All.: Sumudica.

MARCATORI: 14’ Strootman, 45’ Fazio, 46’ Fabricio (aut.), 54’ Salah

ARBITRO: Aghayev (Aze)

AMMONITI: Totti (R), Geraldo, Morais (A).

Lorenzo Bruno

30 settembre 2016

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook