Lazio, spietata contro il Catania, si qualifica alle semifinali di Coppa Italia

Nella prima sfida dei quarti di Coppa Italia, la Lazio supera agevolmente all’Olimpico il Catania ( 3 – 0) ed accede alle semifinali contro la vincente tra Juventus e Milan. Contro i siciliani, Petkovic presenta una formazione diversa da quella che di solito schiera in campionato, senza il bomber Klose e Mauri tenuti a riposo. Il Catania invece scende in campo con una squadra di tutto rispetto, segno evidente che il tecnico Maran sogna il colpaccio.

La partenza è tutta biancoceleste, ma al 4’ Izco mette i brividi ai tifosi biancocelesti con un gran tiro di destro che centra il palo alla sinistra di Bizzarri. Scampato il pericolo, i padroni di casa reagiscono e prendono il sopravvento. Candreva con un gran tiro costringe Frison alla deviazione in angolo. Al 30’ la pressione laziale si concretizza con Radu che di testa insacca su angolo calciato da Candreva. 

 

Nella ripresa, i siciliani provano a riequilibrare le sorti dell’incontro con Bergessio, ma il tiro è respinto da Bizzarri che devia in angolo. Su azione susseguente è poi Capuano a sfiorare la rete.  La Lazio però fa valere il suo maggiore tasso tecnico e colpisce in velocità: Floccari serve in profondità Hernanes che, in area supera il portiere avversario con un tiro lento, ma preciso. Il terzo gol che arriva al 91’ è ancora del “profeta” che, in stile brasiliano, si incunea tra un nugolo di avversari, evita il portiere e deposita la palla in rete per la gioia infinita dei 15mila tifosi presenti allo stadio. 

 

Lazio – Catania  3 – 0

Marcatori: 30’ Radu, 61’ e 91’ Hernanes

Arbitro: Celi di Bari

 

Lazio:  Bizzarri, Biava, Cana, Radu ( Ciani)  Cavanda, ( Brocchi), Gonzales, Ledesma, 

Candreva,( Konko), Lulic, Hernanes, Floccari. All: Petkovic

 

Catania: Frison, Bellusci, Legrottaglie, Rolin, Capuano, ( Ricchiuti), Izco, Lodi, Almiron, Gomez, Bergessio, ( Doukara), Barrientos ( Castro). All: Maran

a cura della redazione sportiva.

Luigi Rubino

9 gennaio 2013

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook