E’ la ‘SIVIGLIA LEAGUE’: Liverpool battuto in finale

E’ la ‘SIVIGLIA LEAGUE’: Liverpool battuto in finale

LIVERPOOL – SIVIGLIA 1 – 3

Marcatori: 35’ pt Sturridge, 46’ st Gameiro, 64’ st e 70’ st Coke

 LIVERPOOL (4-2-3-1): Mignolet, Moreno, Lovren, Toure, Clyne, Milner, Can, Firmino, Lallana, Coutinho, Sturridge. ALL. Klopp 

SIVIGLIA (4-2-3-1): Soria, Coke, Rami, Carrico, Escudero, N’zonzi, Krychowiak, Mariano, Banega, Vitolo, Gameiro. ALL. Emery

Terza Europa League consecutiva, quinta negli ultimi 10 anni, 5 finali vinte su altrettante disputate. Il Siviglia si conferma la squadra dominatrice assoluta della ex Coppa Uefa battendo il Liverpool nella finale di Basilea, per di più in rimonta. Una società che nel corso degli anni ha lavorato egregiamente, valorizzando tantissimi giocatori per poi venderli e sostituirli con altrettanti all’altezza dei precedenti. Un allenatore, Unai Emery, probabilmente ancora sottovalutato nonostante gli incredibili risultati in Europa League, alla faccia di chi (incredibilmente) la snobba, comprese tante squadre italiane.

Primo tempo illusorio

Parte bene, benissimo il Liverpool che nei primi 45 minuti rischia di trovarsi addirittura sul 3 – 0 salvo i clamorosi errori della terna arbitrale, che nega due rigori netti ai reds. Il vantaggio degli inglesi del Merseyside arriva al 35esimo grazie allo splendido esterno mancino di Daniel Sturridge, reduce da una stagione da comparsa in Premier League a causa dei numerosi infortuni. Il match nel primo tempo è sembrato chiaramente indirizzato sui binari della squadra di Jurgen Klopp, vista l’intensità e il dinamismo proposti dai Reds e dal pessimo momento del Siviglia. Nella ripresa, però, dinamismo e intensità passano improvvisamente dentro i petti dei giocatori andalusi.

Secondo tempo da sogno per il Siviglia

Bastano 21 secondi esatti per riportare sulla terra il Liverpool, rimasto negli spogliatoi anche dopo il fischio iniziale. Il Siviglia trova la rete del pareggio con Gameiro, abile a sfruttare la caparbia azione sulla fascia destra da parte di Mariano, complice anche il pessimo comportamento difensivo di Alberto Moreno. La formazione di Klopp subisce il colpo e, sostanzialmente e senza giri di parole, crolla come un castello di carta ad una folata di vento. Il Siviglia trova l’inevitabile spinta psicologica e finisce con lo schiacciare gli avversari nella propria metà campo, nonostante gli ingressi nelle fila del Liverpool di Origi e Allen. La squadra di Emery spinge sull’acceleratore e trova le reti che chiudono il match tra a cavallo tra il 60esimo e il 70esimo. E’ di Coke la doppietta decisiva, quella che spezza definitivamente le gambe agli inglesi e porta in cielo i tifosi del Siviglia, spettatori pieni di gioia davanti al dominio assoluto della propria squadra nell’Europa League, ormai da 10 anni a questa parte.

 

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook