INTER GIOIA FINO ALL’ULTIMO. NAGATOMO goool!

dall’inviato Luigi Rubino

Due reti di Pazzini abbattono il Catania. Una “perla” del giapponese completa l’opera nerazzurra.

Per l’ Inter l’ultima partita al Meazza” contro il tranquillo e salvo Catania doveva essere una festa e così è stato. La squadra nerazzurra vince agevolmente contro un Catania volenteroso, ma che nulla ha potuto contro le giocate dello scatenato Pazzini e di Nagatomo, autore di un bellissimo gol che conferma a pieno le grandi qualità del calciatore.

Con questa vittoria, Leonardo colleziona la dodicesima vittoria casalinga, in attesa dell’importante sfida di domenica prossima con il Palermo, quando ci sarà in palio la Coppa Italia all’Olimpico di Roma. Tra le file nerazzurre assenti Maicon che non giocherà in Coppa perchè squalificato, Sneijder e Julio Cesar e Cambiasso infortunati. La gara inizia subito con l’Inter in avanti. Al 7′ i padroni di casa vanno vicino al gol con un potente tiro di Kharja che colpisce in pieno la traversa. Il vantaggio nerazzurro però è soltanto rinviato ed arriva al minuto 15′: l’azione parte da Stankovic che serve Kharja al limite, la palla giunge a Pazzini che supera Campagnolo, indirizzando la sfera sul secondo palo. La  partita non è veloce, anche perchè fa caldo. Il Catania comunque chiude la prima frazione di gioco senza impensierire la difesa nerazzurra, sicura soprattutto con Lucio e il folletto Nagatomo che sembra inarrestabile sulla fascia destra. Nella ripresa, il Catania con l’ingresso di Losi e Ricchiuti sembra dare più incisività al suo attacco e si spinge in avanti. L’Inter comunque non molla, anzi raddoppia ancora con il “Pazzo” che mette dentro da pochi passi su un invitante cross rasoterra da destra di Milito, subentrato ad Eto’o ad inizio ripresa. Il pubblico, a questo punto è tutto per il Principe che viene applaudito ogno qual volta tocca palla e cerca l’azione vincente e la rete che avrebbe fatto esplodere tutto lo stadio, proprio nel giorno del primo anniversario della conquista della Champions Leaugue, vinta lo scorso anno grazie soprattutto all’attaccante argentino. Il Catania cerca di reagire e ci riesce con Bergessio, ma Castellazzi non si fa sorprendere. Più tardi esce Stankjovic ed entra Materazzi. Il pubblico applaude! Il capolavoro della partita però arriva  con  Yuto Nagatomo che come un razzo parte dalla corsia di destra e con un potente e preciso tira trova l’angolo alto sulla destra del portiere avversario. Gol incredibile, stilisticamente perfetto. Per il giapponese piovono applausi ed incitamenti! Più tardi, il Catania reagisce con Ricchiuti, ma anche questa volta Castellazzi sventa il tiro del catanese.  Il gol della bandiera dei siciliani però arriva al  66′ con Ledesma che con un pallonetto da pochi passi supera Julio Cesar. La gara, comunque, è piacevole e divertente. Nel finale ancora Chivu potrebbe aumentare il bottino nerazzurro, ma il colpo di testa del difensore nerazzurro,su perfetto cross di Nagatomo, è deviato in angolo da Campagnolo. I tifosi, intanto,aspettano il gol di Milito che però non arriva. La gara poi si conclude. Il pubblico festeggia lo stesso ed applaude tutta la squadra. Il prossimo appuntamento, ultimo della stagione, è ora la finale di Coppa Italia di domenica prossima!

Inter – Catania  3 – 0

Inter: ( 4 – 3- 1-2)  Castellazzi, Nagatomo, Ranocchia,( 71′ Samuel), Lucio, Chivu, Zanetti, Thiago Motta, Stankovic ( 57′ Materazzi), Kharja, Pazzini, Eto’o ( 46′ Milito) A disposizione: Orlandoni, Mariga, Couthinho, Pandev. All. Leonardo

Catania: ( 4 – 4 – 2) Campagnolo, Alvarez, Potenza, Terlizzi, Capuano, ( 55′ Ricchiuti), Carboni ( Lodi), Schelotto, ( 65’Izco), Ledesma, Marchese, Gomez, Bergessio. A disposizione:Kosicky, Augustyn,Martinho, Morimoto. All: Simeone

Arbitro: Pierpaoli di Firenze

Reti: 15′ e 48’Pazzini, 64′ Nagatomo, 66′ Ledesma

Note: giornata molto calda, ( afosa).
Spettattori quasi 40 mila.Applausi del pubblico a Milito, Materazzi e a Samuel che torna a giocare dopo sei mesi dall’operazione al ginocchio.

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook