Totti salva la Roma: 3-3 con l’Atalanta

Totti salva la Roma: 3-3 con l’Atalanta
Nainggolan e Rudiger abbracciano Totti dopo il 3-3

Dopo la sconfitta del Napoli con l’Inter la squadra guidata da Spalletti sa che deve approfittare di questo assist per la corsa al secondo posto. La partita di oggi è la chiave per il campionato dei giallorossi, per dare un senso alla stagione.

Follia Roma – La gara inizia come da copione con la Roma a fare la partita, con Nainggolan a fianco di De Rossi in regia tattica e Florenzi sulla linea dei trequartisti e con l’Atalanta che attende l’avversario. Dopo un paio di occasioni, prima di Dzeko e poi di Perotti, arriva il vantaggio della Roma. Al 23’ Digne tiene vivo di testa un pallone alto, scambia con Perotti e poi trafigge Sportiello con un destro splendido. Dopo quattro minuti il raddoppio giallorosso con un contropiede perfetto, Dzeko raccoglie un lancio lungo di Rudiger e allunga per Salah che passa a Nainggolan che con un tocco da biliardo mette in rete con un piatto destro da antologia.

Sembra una partita in discesa, la Roma deve solo controllarla ma, complice un Digne infortunato, l’Atalanta accorcia le distanze con D’Alessandro e, come la Roma prima, in quattro minuti trova il pareggio. Al 37’ l’ex giallorosso Borriello solo al centro dell’area di rigore impatta di testa un cross da calcio d’angolo e batte un incolpevole Szczesny. De Rossi e Manolas affiancano il nerazzurro ma mancano inspiegabilmente la marcatura.

Al 41’ Dzeko solo in area a due passi da Sportiello si divora il gol del vantaggio e manda alto sulla traversa.

Finisce il primo tempo con la Roma che si deve mordere le mani. Vanifica il meritato doppio vantaggio costruito in quattro minuti, oltre ad altre tre nitide occasioni da gol e subisce il ritorno dell’Atalanta mostrando una grave pochezza mentale ed agonistica. Fragile e indecisa.

Borriello show – Al rientro dagli spogliatori sembra di vedere una Roma ancora allenata da Garcia, apatica e senza idee. Dopo cinque minuti l’onnipresente Gomez, non intercettato da Rudiger ,riesce a crossare per Borriello che, anticipa Zukanovic e ciabatta alle spalle di Szczesny il vantaggio atalantino. La Roma è in bambola ed al 62’ Borriello manca la tripletta personale.

Assenza di gioco, di carattere e di lucidità per una Roma irriconoscibile che soffre la squadra avversaria ogni volta che questa riparte in contropiede. Di nuovo al 67’ un contropiede velenoso partito sempre dai piedi di Gomez che offre a Borriello l’ennesima palla gol ma che Szczesny neutralizza in angolo. Mancano movimenti senza palla ed intelligenza tattica per una squadra paralizzata dalla paura. La svolta arriva al 78’ esce un capitano, De Rossi, e ne entra un altro, Francesco Totti. Dopo una doppia occasione capitata a Dzeko, all’85’ Totti firma il pareggio della Roma. Dopo un flipper in area atalantina Florenzi con la punta del piede passa al numero 10 che di destro non sbaglia.

Se oggi può essere il giorno del quasi definitivo addio alla corsa al secondo posto, si può anche dire che oggi Francesco Totti salva la sua Roma da una sconfitta immeritata. Meglio a questo punto pensare a difendere il terzo posto ma il rammarico ed il dispiacere di mancare sempre le opportunità importanti deve far pensare, soprattutto i protagonisti.

Meritano 2duerighe:

suBorriello: centravanti “vecchia maniera”, corre, sgomita e soprattutto segna nonostante i limiti tattici che non gli hanno mai permesso di fare carriera in una grande squadra e oramai anche fisici data l’età.

giùZukanovic: terribile prestazione del giocatore bosniaco che si trova sempre posizionato male tatticamente ed è anche lento (troppo) nei recuperi come nel caso del secondo gol di Borriello.

TABELLINO:

ATALANTA – ROMA 3-3

Sassuolo (4-3-3): Sportiello, Drame, Paletta, Toloi, Masiello, Freuler, Migliaccio, Kurtic, Gomez, Borriello, D’Alessandro. All: Reja.

Roma (4-3-3): Szczesny, Rudiger, Manolas, Zukanovic, Digne, Florenzi, De Rossi, Nainggolan, Salh, Dzeko, Perotti. All: Spalletti.

Marcatori: 23’ Digne, 27’ Nainggolan, 85’ Totti (R), 33’ D’Alessandro , 37’ 50’ Borriello (A).

Ammoniti: Borriello, Masiello, Raimondi, Kurtic (A), Zukanovic, De Rossi, Dzeko, Manolas (R)

Arbitro: Irrati di Pistoia

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook