La Juventus ipoteca lo scudetto:2-1 a San Siro

La Juventus ipoteca lo scudetto:2-1 a San Siro

Serata speciale stasera a San Siro: è l’addio del calcio italiano a Cesare Maldini. Tutto lo stadio lo omaggia mentre sui maxi schermi vengono trasmesse le immagini di Cesarone e l’emozione riempie i cuori dei milanisti e non solo.Serata speciale anche in campo perché i tre punti valgono per tutte e due le squadre. Per la Juve valgono l’avvicinamento alla meta scudetto, per il Milan il consolidamento del sesto posto. I bianconeri devono fare i conti con la rabbia dei rossoneri che hanno bisogno, più che dei punti, di una prestazione di qualità.

Grinta Milan Spinge subito sull’acceleratore la Juventus con Alex Sandro e Lichtsteiner alti sulle fasce quasi sulla linea degli attaccanti che obbligano gli esterni del Milan ad arretrare mettendo in confusione tutto il reparto difensivo avversario. Ma è del Milan la prima occasione da rete, sui piedi di Abate capita la palla del vantaggio. Il milanista però prende il palo alla sinistra di Buffon. Al 13’ Bonaventura si guadagna con astuzia una punizione da ottima posizione, Balotelli tira una palla velenosa quasi rasoterra che Buffon respinge e compie un doppio miracolo sul tap-in di Antonelli. Dopo quattro minuti il vantaggio milanista, fa tutto Balotelli. Ruba palla e crossa al centro facendosi ribattere in angolo la palla da Rugani. Sul corner piazza un cross per la testa di Alex che, tutto solo, senza staccare mette la palla in rete e fa impazzire San Siro.La Juve non ci sta e dopo i tentativi di Liechsteiner prima e di Pogba poi, trova il pareggio al 27’. Morata offre un assist con il contagiri a Mandzukic che batte Donnarumma. Grande errore dei difensori centrali rossoneri, specie di Romagnoli che stacca di testa e passa a Morata, svelto ad approfittare dell’occasione.Si va negli spogliatori con questo risultato e con un Milan che ha giocato alla pari con la Juventus,  che dopo i primi minuti lascia il comando del gioco alla squadra di Mihajlovic. Milan ritrovato, grintoso e forse meritevole di qualcosa in più del pareggio.

Ancora Pogba – La Juventus entra scarica in campo ed il Milan ne approfitta ed in due minuti crea due azioni pericolose. Al 51’ gran controllo in area per Bacca che si gira e con un gran destro impegna Buffon che salva sia sulla linea che sul tap-in di Balotelli. Al 53’ Marchisio perde palla e ne approfitta Kucka che offre a SuperMario la palla per il vantaggio ma il rossonero manda alto sulla traversa. La Juventus soffre il Milan ed in fase di disimpegno commette qualche leggerezza. E’ il Milan migliore degli ultimi tempi ma la prima della classe si scuote e Pogba decide di iniziare a giocare. Al 59’ il bianconero prende il palo su punizione al limite dell’area rossonera ed al 65’ trova il gol del vantaggio su corner di Marchisio. Controllo di petto e tiro schiacciato che beffa Donnarumma.

Il Milan perde fiducia dopo un gol fortunoso e fortunato che lo vede soccombere davanti alla capolista. Stanchi gli uomini di Mihajlovic non hanno più nulla da dare dal punto di vista della reattività e degli stimoli anche se hanno ben interpretato la partita  limitando, specie nei primi sessanta minuti di gioco, le fonti di gioco della Juventus mancando però le occasioni per portarsi in vantaggio. Errore che contro la squadra torinese si paga caro.La Juventus ipoteca lo scudetto aspettando lo scontro diretto tra Roma e Napoli con tutta la tranquillità del mondo.

Meritano 2duerighe:

  Buffon: one man show questa sera per il portierone bianconero. Parate miracolose, salvataggi sulla linea di porta, grandi giocate di piede e addirittura assist man sul gol del pareggio di Mandzukic. Immortale Gigi.

Bacca: non entra in campo stasera il colombiano e Buffon gli nega il gol sull’unica occasione che gli capita tra i piedi.

TABELLINO

 MILAN – JUVENTUS 1-2

 Milan (4-4-2): Donnarumma, Antonelli, Romagnoli, Alex, Abate, Bonaventura, Kucka, Montolivo, Honda (74’ Adriano) , Balotelli (77’ Boateng), Bacca. All.: Mihajlovic.

 Juventus (3-5-2): Buffon, Barzagli, Bonucci, Rugani, Lichsteiner (81’ Cuadrado), Pogba, Marchisio, Asamoah, Alex Sandro, Mandzukic, Morata (67’ Zaza). All.: Allegri.

 Marcatori: 18’ Alex (M), 27’ Mandzukic (J), 65’ Pogba (J)

Ammoniti: Asamoah, Mandzukic, Zaza (J), Balotelli, Alex, Kucka, Antonelli (M).

 Arbitro: Orsato di Schio

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook