La Roma centra il poker: 3-1 al Carpi

La Roma centra il poker: 3-1 al Carpi

Rischiava di diventare indigesta la “Lasagna” del 61’ minuto ma la squadra di Spalletti non si è persa d’animo e con la calma e forza di una squadra di nuovo degna di questo nome è riuscita, con pazienza e superiorità netta sul campo, a prendersi tre punti meritati in una serata piovosa contro un Carpi ostico e fastidioso.

Possesso palla- Inizia aggressivo il Carpi ma poi quasi subito si posiziona nella propria metà campo lasciando il pallino del gioco alla Roma ed aspettando le sue sortite. Il campo stretto agevola la squadra che si difende e la pioggia incessante non aiuta la tecnica squadra di Spalletti priva di un vero regista. Molto possesso palla ma troppe giocate sbagliate e poca convinzione degli esterni nell’uno contro uno vanificano le iniziative romaniste. Subito in luce Salah che cerca di imbeccare Dzeko più volte ma con scarsi risultati. Il Carpi fa il suo gioco ed attende, con tentativi di pressing appena accennati ma la Roma non riesce a trovare il modo di entrare nel suo bunker.Ci prova prima con una triangolazione Salah – Dzeko – Salah che manca però di precisione nella rifinitura finale e poi con un cross di Perotti che imbecca Dzeko il cui colpo di testa è troppo centrale e facile preda di Belec. Al 39’ Szczesny sbaglia il tempo di uscita su Mbakogu ma si trattiene dall’entrare sul giocatore, e la palla finisce sul fondo.Ma è al 43’ che la Roma ha una ghiotta occasione per passare in vantaggio. Su cross di Nainggolan Dzeko fa sponda di testa per Salah che un sinistro in corsa calcia il pallone sulla traversa.Finisce il primo tempo con i giallorossi che trovano nel finale un’occasione per andare in vantaggio in una partita difficile da sbloccare contro un Carpi che stringe la Roma come in una morsa.

 Pjanic in cattedra-Ad inizio ripresa entra Pjanic al posto di El Sharaawy e la differenza si vede subito. Al 56’ dopo un possesso palla estenuante Digne, da posizione defilata, con un sinistro di collo pieno porta in vantaggio la Roma. Vantaggio meritato per la mole di gioco dei giallorossi. Al 61’ una palla innocua diventa l’occasione del pareggio del Carpi. Rudiger, in anticipo sull’avversario, va col corpo a difendere il pallone ma si fa superare da Mbakogu che crossa quasi dal fondo per l’accorrente Lasagna che insacca la palla a porta vuota.Riecheggia l’incubo del pareggio. La Roma accusa il colpo e per dieci minuti va in bambola. Il Carpi ne approfitta prendendo coraggio e prova a giocarsela specie quando la Roma è lontana dalla propria area con le incursioni di un velocissimo Lasagna. Ma i giallorossi non si spengono impauriti come prima, anzi reagiscono e mantengono la calma memori degli insegnamenti dell’ultimo mese.Il gioco ritrovato riesce a dare quella fiducia che prima mancava e all’83’ la Roma viene premiata assieme al suo centravanti che ritrova il gol. Grande giocata di Salah che arriva fino alla linea di fondo, crossa e trova pronto Dzeko per il tap-in vincente. Il bosniaco si sblocca e regala il raddoppio più che meritato alla sua squadra. Dopo un minuto il premio arriva pure per Salah e questa volta è Dzeko a regalare l’assist a Nainggolan il cui tiro viene ribattuto ma arriva l’egiziano che con un tiro potente insacca alle spalle di Belec.Vittoria meritata e fondamentale: primo tempo di costruzione e pazienza ma di poco esito, secondo tempo di soffocante possesso palla e di schiacciante superiorità premiato dai gol dei suoi uomini migliori. La Roma vola al terzo posto aspettando la sfida tra Fiorentina e Inter di domenica sera.

 Meritano 2duerighe:

  Dzeko: un passo in avanti verso la completa guarigione. Sempre schiacciato tra i due, a volte tre difensori del Carpi dapprima fatica non poco a trovare lo spazio. Si fa prestare la maglietta del Carpi e nega il raddoppio a Nainggolan ma tra sponde, assist e finalmente il gol, da centravanti puro, si riscatta e merita la palma del migliore.

Rudiger: commette un errore marchiano come non se ne vedono neppure tra i dilettanti e rischia di far ripiombare la squadra nel vortice della pareggite. Cristiano Ronaldo non sta nella pelle nell’attesa del loro prossimo incontro.

TABELLINO

CARPI – ROMA 1-3

Carpi (3-5-2): Belec, Gagliolo (86’ Verdi), Romagnoli, Suagher, Sabelli, Lollo, Cofie, Crimi, Letizia, Mbakogu (79’ Di Gaudio), Mancosu (54’ Lasagna). All: Castori.

 Roma (4-2-3-1): Szczesny, Florenzi, Manolas Rudiger, Digne, Nainggolan, Vainqueur, Salah 90+2’ Emerson), Perotti, El Sharaawy (46’ Pjanic), Dzeko. All. Spalletti.

 Marcatori: 56’ Digne (R), 61’ Lasagna (C), 84’ Dzeko (R), 85’ Salah (R)

Ammoniti: Suagher, Mancosu, Gagliolo, Mbakogu, Lasagna (C)

Arbitro: Tagliavento di Terni

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook