Frosinone strapazzato, Napoli campione d’inverno

Frosinone strapazzato, Napoli campione d’inverno

Il lunch game del Meazza tra Inter e Sassuolo vedeva uscire vittoriosi i ragazzi di Di Francesco, l’occasione era troppo ghiotta. Vincere e laurearsi campione d’inverno. I ragazzi di Sarri non la sprecano e si prendono onori e titolino con una prestazione sontuosa, passeggiando al Matusa sul malcapitato Frosinone. Un pokerissimo che esalta gruppo ed individualità, dal solito, stratosferico, Higuain a capitan Hamsik, che pare aver ritrovato il feeling con il gol dei bei tempi, passando pure per Gabbiadini, che entra e timbra con un gol dei suoi, quelli che, se giocasse di più, dovremmo cominciare a chiamare ‘gol alla Gabbiadini’. Gloria pure per Albiol, e tra i canarini per Sammarco, che con una splendida girata salva l’onore. 1 a 5 il verdetto del Matusa al 90’. Napoli sogna.

Apre Albiol, Higuain sfata il tabù-Sarri fa rifiatare nuovamente due titolarissimi, preferendo Mertens e Strinic ad Hamsik e Ghoulam. Stellone ritrova Soddimo ma non lo rischia dal primo, riproponendo ancora Paganini sulla destra. Il Napoli inizia forte e al 24’ trova il vantaggio con il colpo da due passi di Albiol, che sfrutta l’uscita a vuoto di Zappino su corner di Jorginho. I ciociari provano a rientrare in partita ma non vedono mai la palla. Higuain inizia a prendere le misure, trova le opposizioni di Zappino e della cerniera centrale frusinate. Al 30’ va in slalom e Crivello lo stende in area, rigore. Ci si aspetta Hamsik e invece dal dischetto va proprio l’argentino, che spiazza Zappino e sfata il tabù degli 11 metri. 17 in campionato.

CinquinaNella ripresa ci si aspetta un Napoli dedito a gestire risultato ed energie. Tutt’altro. Al 14’ Higuain parte palla al piede, si beve difesa e portiere e deposita in rete. Una magia, la diciottesima in campionato. Solo Aubameyang come lui in Europa. Un minuto dopo Hamsik cala il poker con un gran sinistro dal limite. Sarri regala al pipita la standing ovation del Matusa, ad applaudirlo anche i tifosi ciociari. Al suo posto entra Gabbiadini, che al 26’ arpiona il pallone dai 22 metri, guarda la porta e disegna una parabola a giro imprendibile per il povero Zappino. Il pallone si insacca sotto al sette, 5 a 0. Cerca gloria pure Hysaj, che col mancino va vicino al 6 a 0. Scatto d’orgoglio dei ciociari, che trovano il gol della bandiera con Sammarco, bravo a chiudere in diagonale una bella azione iniziata da Soddimo e impreziosita dall’assist di prima di Tonev. Finisce così. Napoli campione d’inverno, come nel ’90, anno del secondo scudetto.

Meritano 2duerighe

Sarri. Festeggia il 57esimo compleanno con una cinquina e lo scudetto d’inverno. Di questo Napoli da sogno è il maggior artefice, meritavo un regalo così.

Frosinone. Il divario tecnico è imbarazzante, vero, però i ciociari hanno dato l’impressione di non provare nemmeno a mettere in difficoltà l’avversario.

Tabellino

Frosinone-Napoli 1-5
MARCATORI: Albiol (N)al 20′, Higuain (N) su rigore al 30′ p.t.; Hamsik (N) al 14′, Higuain (N) al 15′, Gabbiadini (N) al 26′, Sammarco (F) al 36′ s.t.

FROSINONE (4-3-3): Zappino; M. Ciofani, Diakitè, Blanchard, Crivello; Kragl (dal 17′ s.t. Chibsah), Gucher, Sammarco; Paganini (dal 12′ s.t. Tonev), D. Ciofani, Dionisi (dal 22′ s.t. Soddimo). (Leali, Gomis, Russo, Ajeti, Bertoncini, Frara, Gori, Longo). All. Stellone.

NAPOLI (4-3-3): Reina; Hysaj, Albiol, Koulibaly, Strinic; Allan, Jorginho, Hamsik (dal 33′ s.t. Chalobah); Callejon (dal 30′ s.t. El Kaddouri), Higuain (dal 21′ s.t. Gabbiadini), Mertens. (Gabriel, Rafael, Luperto, Ghoulam, Chiriches, Valdifiori, Maggio, David Lopez, Insigne). All. Sarri.

ARBITRO: Tagliavento di Terni

 AMMONITI: Dionisi (F, Blanchard (F), Hysaj (N) per gioco scorretto

Se ti è piaciuto questo articolo seguici su Twitter e Facebook